Addio posto fisso, lavoratori senior sognano professione libera nel digitale

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Oltre 5 italiani su 10 (55%) vorrebbero lavorare come freelance e diventare nomadi digitali. E oltre la metà di coloro che puntano ad abbracciare la vita da smart worker (60%) sono professionisti over40 e longennials che sognano di lasciare l’attuale lavoro da dipendente per fondare un business digitale. Ad attestarlo l’ultima indagine di BeDigital Academy, accademia digitale fondata nel 2016 da Angelo Laudati che forma i professionisti del digital marketing attraverso master e corsi di formazione in aula e in e-learning.  Il mondo del lavoro sta drasticamente cambiando in questi ultimi anni e le competenze digitali sono diventate un requisito imprescindibile per mantenere la competitività di un’azienda. A tal proposito la richiesta di professionisti che operano nel campo del digitale è in costante aumento. Ed i lavoratori lo sanno bene.  Secondo la survey di BeDigital Academy infatti, oltre il 43,2% dei lavoratori vorrebbe lavorare in questo ambito proprio perchè le posizioni aperte per queste categorie sono numerose e la domanda delle aziende molto alta. Per il 42,7% lavorare nel digitale consentirebbe loro di poter lavorare in qualsiasi luogo e di poter viaggiare (36,7%). Per il 24,5% sono spinti da motivi economici, perchè consentirebbe loro di poter guadagnare bene a pari passo con un altro 24,5% che vorrebbe lavorare nel settore per essere più flessibile ed evitare di recarsi in ufficio ed evitare spostamenti.  Oltre 4 professionisti su 10 sognano di avviare un business digitale ma a frenarli è la carenza di digital skills. Oltre il 55,1% vorrebbe lavorare come freelance mentre soltanto il 28,6% punta a diventare dipendente di una grande azienda ed il 16,6% invece vorrebbe lavorare come consulente e collaboratore di una startup. Nello specifico, infatti oltre il 42,9% degli intervistati sogna di lanciare un proprio progetto imprenditoriale o business digitale. Il 30,6% ci sta già lavorando mentre la restante parte crede di non avere le competenze e conoscenze digitali e tecnologiche per realizzarlo.  “La trasformazione in atto nel mondo del lavoro richiede dei professionisti aggiornati, esperti e competenti -spiega Angelo Laudati, founder di BeDigital Academy- acquisire competenze digitali e sviluppare le digital skills quindi, oggi significa sviluppare la capacità di essere attori consapevoli e partecipi della società della conoscenza e dell’innovazione in cui viviamo”.  Per offrire le hard skills fondamentali per abbracciare una carriera nel mondo del digitale, BeDigital Academy ha appena lanciato 'Digitalizzati', corso di formazione online on- demand di 25 ore adatto a tutti i professionisti con lezioni che spaziano dagli strumenti seo a social media, analytics e advertising.  Una nuova fascia di popolazione, come quella degli over 50, che un tempo era considerata in età anziana, è oggi pronta ad affrontare cambiamenti importanti con entusiasmo e voglia di fare nuovi progetti. Secondo la survey infatti, oltre la metà dei lavoratori over40 ed i lavoratori senior over 50, i cosiddetti longennials, sognano una nuova avventura professionale nel campo del digitale. Oltre alle nuove generazioni, BeDigital Academy forma anche i longennials e contrasta il digital generation gap.  Se fino a qualche anno fa, trovare un nuovo lavoro dopo i 50 anni era estremamente difficile oggi i dati ci raccontano un’inversione di tendenza. I longennials infatti vengono preferiti ai lavoratori junior perchè più affidabili ed esperti. Tuttavia, ancora il mercato del lavoro tende a preferire spesso i più giovani, perchè più avvezzi a padroneggiare in maniera spontanea e naturale, gli strumenti digitali e tecnologici.  “L’allungamento medio dell’aspettativa di vita e la qualità della vita che è esponenzialmente migliorata, permettendoci di avere a disposizione energie mentali e fisiche anche dopo il mezzo-secolo, impensabili per le generazioni precedenti", afferma Laudati. "I longennials sono professionisti che hanno già avuto molte soddisfazioni dalla loro carriera e possono quindi essere motivati a fare un'esperienza diversa. Il nostro obiettivo, attraverso BeDigital Academy, è contrastare il digital generation gap, il divario generazionale, in ambito lavorativo attraverso la formazione e fornire le competenze digitali fondamentali anche alle categorie di lavoratori e professionisti over50 che aspirano ad un carriera nel settore o ad avviare un proprio business digitale”, conclude.  Ma quali sono le professioni digital più adatte ai longennials? Per gli over40, alcune delle carriere più adatte secondo lo studio della BeDigital Academy includono: consulente in digital marketing: l’esperienza accumulata nel corso degli anni può tradursi in strategie di marketing efficaci basate su dati e analisi; e-commerce manager, con una solida comprensione delle tendenze di mercato e delle esigenze dei clienti, si può efficacemente gestire e ottimizzare negozi online; specialista seo, approfondendo le tecniche di ottimizzazione per i motori di ricerca, si può migliorare la visibilità di un sito web e aumentare il traffico organico; esperto sem, attraverso la creazione e gestione di campagne pubblicitarie online, è possibile generare traffico e conversioni in maniera mirata e immediata.  E quali sono le competenze essenziali adatte ai lavoratori senior che vogliono cambiare carriera? BeDigital Academy ha identificato una serie di competenze essenziali per aiutare gli over40 a entrare con successo nel mondo del digital marketing, ecco quali sono: metriche e analisi: non bisogna soltanto raccogliere dati, ma anche saperli interpretare per formulare decisioni di marketing basate su informazioni concrete. La capacità di interpretare correttamente i dati consente di valutare l'efficacia delle strategie di marketing adottate e apportare eventuali modifiche o miglioramenti per massimizzare i risultati ottenuti.  Strategia dei Contenuti: risulta cruciale saper ideare strategie mirate per raggiungere e coinvolgere il pubblico attraverso diversi canali online. Competenze seo: è fondamentale padroneggiare tecniche avanzate per ottimizzare la presenza online e migliorare la visibilità sui motori di ricerca. Gestione strategica dei social media: sfruttare al meglio piattaforme come Facebook, Instagram e LinkedIn non solo per la presenza, ma per creare una community fedele e coinvolta. Competenze tecniche di advertising: saper utilizzare in maniera adeguata le principali piattaforme pubblicitarie, ad esempio Google Ads e Meta Ads, con l'obiettivo di ideare campagne pubblicitarie performanti e massimizzare il ritorno sull'investimento  —economiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Alpinisti scalano l'Everest
I suoi testi verranno ricordati per sempre
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter