Benedetta Rossi: “Sui social tutti creator, serve serietà e rispetto”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – "Da quando ho iniziato, i social si sono molto evoluti. Adesso, soprattutto dopo la pandemia, da fruitori di social sono diventati tutti creator. Adesso tutti cucinano, tutti condividono e tutti danno consigli. Siamo diventati tutti creator e va benissimo ma i social sono degli spazi che dobbiamo utilizzare con serietà". Lo afferma la food blogger Benedetta Rossi che, in occasione della presentazione del film documentario 'Kina e Yuk alla scoperta del mondo' al cinema dal 7 marzo, racconta come è cambiato il mondo dei social media.  Secondo Benedetta "è giusto che ognuno abbia il suo spazio. C'è poi chi lo usa bene e chi male ma non sono io che devo giudicare". I social sono "un megafono grandissimo che cerco di utilizzare con serietà e rispetto delle persone che ci sono dall'altra parte" anche perché "il nostro comportamento incide sulla vita degli atri".  "Per lavorare e comunicare bene devi prima di tutto ascoltare perché se sai con chi stai parlando allora tutto diventa più semplice, efficace e vero", spiega l'influencer. Da tik tok a Instagram: "Vedo tutte le persone uguali che escono tutte con le stesse frasi. Eppure quello che ci dà valore è l'essere unici. Perché, quindi, ci dobbiamo uniformare al volere del social? Con un video di un minuto Instagram mi spinge di più ma io ho bisogno di 5 minuti per spiegare una ricetta". Ed è questo che fa la differenza: "A me di quel numero non importa", conclude Benedetta. —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Presto un nuovo progetto potrebbe rivoluzionare il mondo geopolitico
Il rinoceronte lanoso estinto 10mila anni fa
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter