Gb, rimpasto nel governo Sunak dopo rimozione Braverman: torna David Cameron

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Rimpasto di governo a Londra, dopo che il primo ministro britannico Rishi Sunak ha sollevato dall'incarico la ministra degli Interni Suella Braverman per un articolo nel quale criticava la gestione di una marcia filo-palestinese da parte della polizia inglese. Secondo quanto rende noto Downing Street, James Cleverly è stato nominato nuovo ministro dell'Interno, mentre l'ex primo ministro britannico David Cameron è stato scelto come nuovo ministro degli Esteri al posto di Cleverly, a capo del Foreign Office da settembre dello scorso anno. "E' stato il più grande privilegio della mia vita servire come ministro degli Interni'' della Gran Bretagna, ha detto Suella Braverman. ''Avrò altro da dire a tempo debito'', ha aggiunto.  Deputato di Braintree nell'Essex dal 2015, Cleverly ha ricoperto numerosi ruoli nel governo, tra cui presidente dei Tory e ministro dell'Istruzione. "E' un onore essere nominato ministro degli Interni. L'obiettivo è chiaro. Il mio lavoro è garantire la sicurezza delle persone in questo Paese", ha scritto in un tweet il neo ministro degli Interni. Dal canto suo Cameron ha scritto in un tweet di aver ''accettato volentieri l'incarico di ministro degli Esteri'' che gli è stato offerto dal primo ministro Rishi Sunak. E ha promesso che ''aiuterà Sunak ad affrontare le sfide vitali'' in corso, sottolineando che ''garantire la sicurezza e la stabilità sulla scena globale è essenziale e nel nostro interesse nazionale''. ''Stiamo affrontando una serie di sfide internazionali scoraggianti, tra cui la guerra in Ucraina e la crisi in Medio Oriente. In questo momento di profondo cambiamento globale, raramente è stato più importante per questo Paese stare al fianco dei nostri alleati, rafforzare le nostre partnership e assicurarsi che la nostra voce sia ascoltata'', ha detto Cameron. Ricordando di essere stato lontano dalla vita politica attiva negli ultimi sette anni, il nuovo capo della diplomazia britannica ha spiegato di voler mettere a servizio ''la mia esperienza, come leader conservatore per undici anni e Primo Ministro per sei''. Cameron ha quindi affermato che ''la Gran Bretagna è un paese veramente internazionale. La nostra gente vive in tutto il mondo e le nostre attività commerciano in ogni angolo del globo''. Per cui ''la sicurezza internazionale è fondamentale per la nostra sicurezza interna''. Cameron ha aggiunto che ''anche se potrei non essere d'accordo con alcune decisioni individuali, è chiaro per me che Rishi Sunak è un Primo Ministro forte e capace, che sta mostrando una leadership esemplare in un momento difficile. Voglio aiutarlo a garantire la sicurezza e la prosperità di cui il nostro Paese ha bisogno e far parte della squadra più forte possibile al servizio del Regno Unito e che potrà essere presentata al Paese quando si terranno le elezioni generali''. L'ex premier ha aggiunto di credere ''nel servizio pubblico. Questo è ciò che mi ha motivato per la prima volta a impegnarmi in politica negli anni '80, a lavorare nel governo negli anni '90, a diventare membro del Parlamento negli anni 2000 e a propormi come leader del partito e Primo Ministro. Il ministero degli Esteri del Regno Unito, il nostro servizio diplomatico, i nostri servizi di intelligence e le nostre capacità di aiuto e sviluppo sono alcune delle migliori risorse del loro genere in qualsiasi parte del mondo''.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Il caso della guerra immobile in Libano
La nuova tecnologia pronta a stravolgere le nostre abitudini
Dopo 1901 giorni trascorsi in carcere, Assange ha evitato l'estradizione negli Stati Uniti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter