Gen. Angelosanto, ‘sui criptotelefonini siamo in ritardo e abbiamo limiti normativi’

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – "Allo stato non riusciamo a fare le intercettazioni sui criptotelefonini che sfruttano soprattutto la messaggistica". E' l'allarme lanciato dal generale Pasquale Angelosanto, ex Comandante del Ros, intervenuto, da remoto, al convegno 'Le mafie digitali' organizzato a Palermo dalla Fondazione Magna Grecia. "Le acquisizioni degli ultimi anni sono rientrate nelle nostre indagini utilizzando l'articolo del codice di Procedura penale". dice l'alto ufficiale. E aggiunge: "Siamo in ritardo, non riusciamo a inserirci nel momento in cui il messaggio parte da una utenza per arrivare ad un'altra utenza". "Abbiamo limiti anche normativi, non riusciamo a potere intercettare in maniera indiscriminata", spiega il generale Angelosanto.  "Non abbiamo strumenti e capacità professionali in grado di fare questo tipo di lavoro- aggiunge – la scommessa riguarda il futuro, il potenziamento del tecnologico e la dotazione di strumenti". —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Presto un nuovo progetto potrebbe rivoluzionare il mondo geopolitico
Il rinoceronte lanoso estinto 10mila anni fa
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter