Il padre di Filippo Turetta al papà di Giulia Cecchettin: “Perdono”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Nicola Turetta, papà di Filippo, il giovane accusato dell’omicidio dell'ex fidanzata, ha inviato un messaggio a Gino Cecchettin, padre di Giulia, con chi chiede "perdono" alla famiglia della 22enne studentessa. Lo confermano fonti legali. "Siamo ancora sotto shock per quello che è successo, per quello che ha combinato nostro figlio… Non riusciamo a capire come possa aver fatto una cosa così, un ragazzo al quale abbiamo cercato di dare tutto", ha detto ieri Nicola Turetta. "Facciamo tantissime condoglianze alla famiglia di Giulia", ha aggiunto. Alla domanda 'andrà a trovare la famiglia di Giulia?' ha risposto "Sì, ma bisogna trovare il coraggio per farlo".  In serata, un contatto tra le due famiglie è avvenuto nella fiaccolata organizzata a Vigonovo, in provincia di Venezia, dove viveva la ragazza. "Ho abbracciato il papà di Filippo, un gesto che lui ha voluto fare lontano dalle telecamere. Lo avevo invitato per farci sentire uniti in questo dolore: noi per la perdita di Giulia, loro nella sofferenza di un figlio che ha provocato una perdita grande. La famiglia non c’entra, non è colpa dei genitori, questo è quello che penso io", ha detto Andrea, lo zio di Giulia. I genitori di Filippo "sono due persone provate con un dolore enorme, forse con un dolore più grande del nostro, ma non sono loro che hanno fatto male a Giulia. Adesso il perdono per Filippo non lo sento, sento pietas per la famiglia perché sono anche loro vittime del figlio", ha concluso lo zio.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Presto un nuovo progetto potrebbe rivoluzionare il mondo geopolitico
Il rinoceronte lanoso estinto 10mila anni fa
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter