Menù del Titanic venduto a quasi 100mila euro: ecco cosa mangiarono

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Un menù macchiato dall'acqua del ristorante di prima classe del Titanic, che mostra che i commensali hanno banchettato con ostriche, agnello e anatra prima che la leggendaria nave da crociera affondasse, è stato venduto per 84.000 sterline (circa 96.000 euro) dalla casa d'aste Henry Aldridge & Son di Devizes, nel Wiltshire, contea dell'Inghilterra sud-occidentale. Il menù, che si pensa sia stato recuperato dal corpo di una vittima del Titanic, fu preparato per la sera dell'11 aprile 1912. La nave aveva appena lasciato il suo ultimo porto di scalo, Queenstown in Irlanda, e stava attraversando l'Oceano Atlantico quando i ricchi passeggeri si sedettero a tavola. Il menù, mai visto prima, mostra che i passeggeri si concedevano ostriche, piccione alla Godard, agnello 'di primavera', tournedo di manzo alla Victoria, anatra reale e albicocche Bourdaloue. Oggi si conoscono solo pochi menù del Titanic, ma si riferiscono alla notte della tragedia, quando i passeggeri li tenevano nelle tasche delle giacche o dei cappotti. Questo menù è l'unico conosciuto per l'11 aprile, quattro giorni prima che il Titanic colpisse un iceberg e affondasse con la perdita di 1.522 vite umane. Il menù venduto all'asta apparteneva al collezionista Len Stephenson, originario della Nuova Scozia, in Canada, dove furono portati tutti i corpi dopo il disastro del Titanic. Stephenson è morto nel 2017 e il menù è stato ritrovato solo di recente dalla figlia Mary Anita quando ha rovistato tra i suoi effetti personali. L'ha mostrato a un museo locale che le ha consigliato di portarlo alla casa d'aste Henry Aldridge & Son di Devizes, che ha fissato una stima prevendita di 60.000 sterline. "Si tratta di un menù inedito del ristorante di prima classe del Titanic", ha dichiarato il banditore Andrew Aldridge. "Nessuno sapeva che Len Stephenson lo avesse, compresa la sua famiglia. Dopo la sua morte, i suoi beni sono stati lasciati alla famiglia, che però li ha messi in un magazzino. Circa sei mesi fa la figlia e il genero, Allen, hanno ritenuto che fosse il momento giusto per esaminare le sue cose. Hanno trovato questo menù in un vecchio album di fotografie. Len era uno storico molto stimato in Nuova Scozia, che ha forti legami con il Titanic. Le navi per il recupero dei corpi provenivano dalla Nuova Scozia e quindi tutte le vittime venivano riportate lì. Purtroppo, Len ha portato con sé nella tomba il segreto di come ha acquisito questo menù. Dato il legame della Nuova Scozia con il Titanic e dato che presenta segni di danni causati dall'acqua, è lecito supporre che provenga da una delle vittime". Andrew Aldridge ha spiegato che esiste una manciata di menù del 14 aprile 1912, ma la maggior parte dei menu dell'11 aprile sarebbe affondata con la nave. "Dopo aver parlato con i principali collezionisti di memorabilia del Titanic a livello globale e aver consultato numerosi musei con collezioni sul Titanic, non siamo riusciti a trovare altri esempi sopravvissuti di menù per la cena dell'11 aprile in prima classe". Il menù presenta una bandiera rossa in rilievo della White Star Line e originariamente avrebbe mostrato una scritta dorata raffigurante le iniziali OSNC (Ocean Steamship Navigation Company) accanto alla scritta R.M.S. Titanic. —culturawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Alpinisti scalano l'Everest
I suoi testi verranno ricordati per sempre
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter