Russia, dopo Navalny ora tocca Yulia Navalnaya: tribunale di Mosca ne dispone l’arresto

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Dopo Navalny ora la Russia punta alla moglie del dissidente Yulia Navalnaya. Un tribunale di Mosca ha disposto l'arresto della donna dopo aver formulato nei suoi confronti l'accusa di partecipazione a organizzazione estremista, ha reso noto l'agenzia di stampa Ria Novosti. Dopo la morte del marito Alexei in una colonia penale artica in Siberia lo scorso 16 febbraio, Navalnaya, che risiede all'estero da tempo, aveva annunciato che avrebbe proseguito il lavoro del marito. Dal 2021, le organizzazioni fondate da Navalny sono state inserite nell'elenco dei gruppi estremisti.  Yulia Navalnaya ha reagito su 'X' alla notizia del mandato di arresto nei suoi confronti disposto da un tribunale di Mosca chiedendosi se ''sarà la solita procedura. Un agente straniero, poi l'apertura di un procedimento penale, poi un arresto?!''. In quello che sembra un appello ai media occidentali, Navalnaya ha poi chiesto che ''quando scrivete di questo, vi prego di non dimenticare di scrivere la cosa principale: Vladimir Putin è un assassino e un criminale di guerra''. Yulia ha aggiunto che ''il posto di Putin è in prigione'', ma ''non da qualche parte all'Aja, in una cella accogliente con una Tv, ma in Russia, nella stessa colonia e nella stessa cella di 2 metri per 3 in cui ha ucciso Alexei''. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Il caffè alla base del capitalismo
Trump sfida Harris, Biden si ritira, e il mondo trema
Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter