Russia, Navalny è vivo: in carcere in Siberia, a 2000 km da Mosca

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Alexey Navalny è vivo e sta bene. Il dissidente, oppositore di Vladimir Putin, dopo settimane di mistero è di nuovo tornato 'visibile': è in un carcere siberiano, nell'estremo nord della Russia. "Abbiamo trovato Alexey Navalny. Ora è (nella colonia penale) IK-3 nell'insediamento di Kharp", scrive su X la portavoce Kira Yarmysh dopo che da giorni non si avevano notizie di Navalny. "Il suo avvocato lo ha visto oggi – aggiunge – Alexey sta bene".  Di Navalny, ora in questa colonia penale nell'estremo nord della Russia, a 2.000 chilometri da Mosca, non si avevano più notizie dal 6 dicembre. Si sapeva solo che non era più detenuto nella colonia Ik-6 nella regione di Vladimir. Il 18 dicembre Navalny – condannato a 19 anni di carcere per "estremismo" – non era comparso in collegamento video a un'udienza in tribunale nella cittadina di Kovrov, come aveva denunciato lo staff del dissidente, alimentando i timori per le sue sorti. "Abbiamo trovato Alexei!", scrive su X anche Ivan Zhdanov, collaboratore storico di Navalny. E denuncia come la cosiddetta colonia penale 'Polar Wolf' sia una delle più remote della Russia, come "lì le condizioni siano brutali". Molto difficile raggiungere la zona, area di permafrost, e – sottolinea – non vengono consegnate lettere. Per Zhdanov è stato chiara sin dall'inizio la volontà di isolare il dissidente in vista delle elezioni presidenziali previste il 17 marzo in Russia.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Presto un nuovo progetto potrebbe rivoluzionare il mondo geopolitico
Il rinoceronte lanoso estinto 10mila anni fa
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter