“Stop al genocidio a Gaza”, in centinaia in piazza a Roma

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – "Stop al genocidio del popolo palestinese: 9mila bambini uccisi, 22mila morti e 109 giornalisti uccisi". Con questo slogan diverse centinaia di persone sono tornate in piazza oggi a Roma per manifestare contro l'offensiva di Israele a Gaza. Tra largo Corrado Ricci e via dei Fori Imperiali sventolano bandiere della Palestina e della Pace in attesa della partenza del corteo che dovrebbe raggiungere piazza dell'Esquilino. Alla manifestazione promossa dal Movimento studenti palestinesi in Italia, Udap (Unione democratica arabo palestinese) e Api (Associazione dei palestinesi), hanno aderito tra gli altri i collettivi universitari, l'Osa, i movimenti di lotta per la casa, Arci e Anpi.  "In queste ore l'offensiva dell'esercito israeliano contro Gaza continua senza tregua – si legge sui volantini distribuiti in piazza – I bombardamenti colpiscono indiscriminatamente la popolazione civile, bambini, operatori sanitari, giornalisti. Oramai sono oltre 23mila le vittime, purtroppo il numero è destinato a crescere nei prossimi giorni. Le condizioni di vita sono disperate, tutte le infrastrutture sono state colpite, cibo e acqua scarseggiano, la maggioranza degli ospedali è ridotta a un cumulo di macerie, il 90% della popolazione è sfollata senza più vie di fuga e sono presi di mira anche gli aiuti umanitari. L'offensiva israeliana non è una guerra contro Hamas, ma un vero e proprio genocidio".  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Trump sfida Harris, Biden si ritira, e il mondo trema
Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
Usa, Biden si ritira: sale Kamala Harris
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter