Treccani sceglie femminicidio come parola dell’anno 2023

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – La Treccani sceglie "femminicidio" come parola dell'anno 2023 nell'ambito della campagna di comunicazione #leparolevalgono, volta a promuovere un uso corretto e consapevole della lingua da parte dell'Istituto della Enciclopedia Italiana.  Nell'anno segnato da innumerevoli casi di donne assassinate, con l'Italia commossa dalla tragedia di Giulia Cecchettin, questa la definizione di "femminicidio" registrata nel Vocabolario della lingua italiana Treccani: "Uccisione diretta o provocata, eliminazione fisica di una donna in quanto tale, espressione di una cultura plurisecolare maschilista e patriarcale che, penetrata nel senso comune anche attraverso la lingua, ha impresso sulla concezione della donna il marchio di una presunta, e sempre infondata, inferiorità e subordinazione rispetto all'uomo". La scelta di "femminicidio", sottolinea la Treccani in un comunicato, "evidenzia l'urgenza di porre l'attenzione sul fenomeno della violenza di genere, per stimolare la riflessione e promuovere un dibattito costruttivo intorno a un tema che è prima di tutto culturale: un'operazione pensata non solo per comprendere il mondo e la società che ci circondano, ma anche per contribuire a responsabilizzare e sensibilizzare ulteriormente lettori e lettrici su una tematica che inevitabilmente si è posizionata al centro dell’attualità".  Come Osservatorio della lingua italiana, spiega Valeria Della Valle, direttrice scientifica, insieme a Giuseppe Patota, del Vocabolario Treccani "non ci occupiamo della ricorrenza e della frequenza d'uso della parola 'femminicidio' in termini quantitativi, ma della sua rilevanza dal punto di vista socioculturale: quanto è presente nell'uso comune, in che misura ricorre nella stampa e nella saggistica? Purtroppo, nel 2023 la sua presenza si è fatta più rilevante, fino a configurarsi come una sorta di campanello d'allarme che segnala, sul piano linguistico, l'intensità della discriminazione di genere".  Aggiunge la professoressa Della Valle: "Il termine, perfettamente congruente con i meccanismi che regolano la formazione delle parole in italiano, ha fatto la sua comparsa nella nostra lingua nel 2001 (e fu registrata nei Neologismi Treccani del 2008): da allora si è esteso a macchia d'olio quanto il crimine che ne è il referente". Il termine relativamente recente ha cominciato ad avere una certa diffusione soprattutto a partire dal 2008 anche grazie al libro di Barbara Spinelli intitolato appunto "Femminicidio". Si tratta di una parola non indigena, spiega la Treccani: è un calco dell'inglese "feminicide", da confrontare con lo spagnolo "feminicidio", coniato dalla criminologa Diana Russel in un suo saggio e ripresa dall'antropologa messicana Marcela Lagarde in un suo scritto del 1993 per indicare i numerosissimi omicidi di donne ai confini tra Messico e Stati Uniti. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Trump sfida Harris, Biden si ritira, e il mondo trema
Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
Usa, Biden si ritira: sale Kamala Harris
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter