Zverev star alle Atp Finals 2023, vincere con il diabete è possibile

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) –
"Sono diabetico. Se non mi inietto insulina mentre gioco, rischio la vita". Con queste parole il tennista Alexander Zverev, impegnato a Torino alle Atp Finals, ha annunciato tempo fa di essere affetto da diabete di tipo 1. Stesso destino per il calciatore Nacho Fernandez, difensore del Real Madrid, e Mark Andrews, tight end dei Baltimore Ravens nella NFL. Tra gli ex calciatori anche la stella del Manchester United Paul Scholes ha il diabete di tipo 1. Oggi l'ostacolo diabete per gli sportivi ad alto livello, e non solo, sembra comunque superato. Un tabù che un tempo impediva di gareggiare ma oggi non è più così, anzi l'attività fisica diventa uno degli strumenti terapeutici. "Esiste un legame vantaggioso tra diabete e attività fisica, in termini di strategia di cura della malattia, soprattutto se associato alla messa a punto di regimi alimentari bilanciati e individualizzati", spiega all'Adnkronos Salute l'immunologo Mauro Minelli, docente di dietetica e nutrizione umana all’Università Lum di Bari, in occasione della Giornata mondiale del diabete che si celebra domani.  "La pratica di sport anche agonistici non solo non è sconsigliata a chi soffre di diabete, ma deve essere favorita poiché è in grado di ottimizzare il compenso metabolico in generale – prosegue Minelli – L’esercizio fisico facilita il consumo di glucosio da parte dei muscoli e quindi riduce i livelli di zucchero nel sangue, migliorando la sensibilità all’insulina e permettendo quindi la riduzione del fabbisogno della stessa. In atleti diabetici, che hanno bisogno di assumere insulina dall’esterno, vige solo l’accortezza di calcolarne bene la quantità da immettere in circolo, considerando l’aumento del dispendio energetico, la tipologia di esercizio praticato, ossia se aerobico o anaerobico e il fabbisogno insulinico, in quanto il livello di insulina nel sangue dipende unicamente dall’effetto della quantità somministrata in precedenza".  "Solo un attento controllo e una correzione personalizzata della dose di insulina e dell’intake energetico permettono all’atleta diabetico di gareggiare con successo e sicurezza per la propria salute, senza rischiare di incorrere in ipoglicemia ritardata. Tutto ciò è attuabile grazie a una stretta collaborazione tra atleta, medico e professionisti della nutrizione", conclude l'immunologo.  —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
Usa, Biden si ritira: sale Kamala Harris
Stop ai telefoni nelle scuole Usa
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter