Al Mann di Napoli la mostra ‘West’ di Francesco Jodice

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Attraverso un'inedita collaborazione istituzionale che attiva un altrettanto inedito dialogo tra patrimonio archeologico e fotografia contemporanea, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, diretto da Paolo Giulierini, e il Mufoco Museo di Fotografia Contemporanea, presieduto da Davide Rondoni, organizzano e promuovono, in collaborazione con Electa, la mostra "West Francesco Jodice" curata da Matteo Balduzzi. Visitabile fino all'8 gennaio 2024, l'esposizione è composta da 20 opere fotografiche di Francesco Jodice provenienti dalle collezioni del Mufoco Museo di Fotografia Contemporanea, presentate per la prima volta in Italia. La mostra racconta il sorgere e il declino dell'ultimo "grande impero occidentale", gli Stati Uniti d'America, in un arco di tempo compreso tra l'inizio della Gold Rush (1848) e il fallimento della Lehman Brothers (2008). Percorrendo in tre lunghi viaggi, effettuati tra il 2014 e il 2022, una delle più antiche strutture geologiche del pianeta, Francesco Jodice rilegge una parte della nostra storia attraverso un repertorio visivo di miti e di ruderi, di utopie, di miraggi e di fallimenti. Archeologia di un presente che è già passato. California, Nevada, Utah, Wyoming, Arizona, Colorado, New Mexico, Nebraska, Texas, con l’inclusione delle aree contigue messicane sono alcuni degli stati dove ha avuto luogo la corsa all’oro, territori percorsi da Francesco Jodice per il suo articolato progetto di ricerca "West". Il fulcro dell'intero lavoro si ritrova nel crocevia tra la peculiare geologia di quest’area e i ruderi archeologici (miniere, ghost town, utopie, complessi e infrastrutture abbandonate) di una stagione animata da un’irrefrenabile bramosia di ricchezze immediate. Le opere fotografiche di Jodice in mostra sono accompagnate da una serie di testi e di immagini d’archivio, “minerali e detriti culturali” come definiti dall’artista, relativi alla storia economica, geologica, politica e culturale del secolo americano, che costituiscono le basi teoriche e poetiche del progetto. L'opera "Atlante" (2015), primo capitolo di una trilogia video che Jodice ha dedicato al Secolo Americano e che è stata parzialmente realizzata nella Sala della Meridiana del Mann, completa il progetto espositivo e crea un ulteriore cortocircuito negli spazi del Museo. La relazione tra il progetto "West" e lo spazio espositivo, con la messa in scena di un’archeologia visiva della cultura occidentale moderna, contribuisce a ridiscutere la nozione stessa di archeologia, in termini sia spaziali che temporali, in sintonia con il dibattito più attuale della disciplina. Al contempo, alimenta un dialogo tra le espressioni visive del passato e quelle della contemporaneità a cui il Mann dedica una grande attenzione all’interno dei propri programmi espositivi temporanei. Infine, l’esposizione rappresenta per la città di Napoli l’occasione di poter celebrare un artista di fama internazionale di origini partenopee. "Quando inizia l'archeologia? Già ieri è passato. Grandi Musei come il British espongono gettoni telefonici o carte di credito, per dar conto di quelle che saranno le tracce materiali delle nostre generazioni fra mille e più anni. Di più l'America del West, a differenza del Messico o di parti dell'America Latina non è mai stata abituata ad un concetto di archeologia simmetrico al nostro. Per il West il passato sono già i villaggi nati intorno alla corsa all'oro, quelli dei pistoleri o i set dismessi dei celebri film. Nessuno ha il diritto di stabilire un confine tra antico e recente. Nel momento in cui pensa ad un concetto esso è già volato via nei nostri ricordi – dichiara Paolo Giulierini, direttore del Mann – Siamo felici quindi di ospitare grazie a Electa il prezioso progetto di Francesco Jodice ricordando che il Museo Archeologico Nazionale di Napoli in questi anni è stato anche 'casa della fotografia' d'artista da Luigi Spina ai fotoreporter del World Press Photo, per citare solo due tra le importanti collaborazioni".  "La mostra 'West al Mann è una occasione in cui il Museo di Fotografia Contemporanea dialoga con una importantissima istituzione del Sud e questo testacoda tra contemporaneo e antico, questo incrocio tra l’ovest del progetto di Francesco Jodice e l’ovest del Golfo di Napoli riconduce tutto al tema della visione che è il vero scopo della fotografia e dei musei", commenta Davide Rondoni, presidente del Museo di Fotografia Contemporanea.  Alla mostra si accompagnerà il volume edito da Electa, che presenterà l'intero corpus di "West", costituito da 70 immagini. Il progetto artistico "West" è stato sostenuto dall’Italian Council (X edizione, 2021), programma di promozione internazionale dell’arte italiana della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. È stato realizzato da Mufoco Museo di Fotografia Contemporanea con la collaborazione di Galerie Le Château d'Eau (Toulouse) e di arc en rêve centre d'architecture (Bordeaux). —culturawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
Il giornalista di WikiLeaks a processo per l'estradizione negli Stati Uniti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter