Alimenti, Ue chiede chiarimenti su legge su carne coltivata

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – La Commissione europea "ha chiuso il 29 gennaio 2024 la procedura di notifica Tris sulla legge italiana che vieta le carni coltivate. Ciò è dovuto al fatto che l'Italia ha adottato il testo prima della scadenza del periodo sospensivo previsto dall'articolo 6 della direttiva Tris". Lo dice una portavoce della Commissione. "Pertanto – aggiunge – alla luce della pertinente giurisprudenza della Corte di Giustizia, la Commissione invita l'Italia a informarla del seguito dato. In questa fase, la Commissione non ha ulteriori osservazioni".  La direttiva definisce una procedura che impone agli Stati membri l'obbligo di notificare alla Commissione tutti i progetti di regolamentazioni tecniche riguardanti prodotti e servizi della società dell'informazione, prima che siano adottati nella legislazione nazionale. Si applica a tutti i prodotti di fabbricazione industriale, ai prodotti agricoli e ai prodotti della pesca. L'Associazione Luca Coscioni, in uno dei contributi delle parti interessate depositati nel database, osservava che "il Governo italiano ha chiaramente violato le procedure Ue", le quali prevedono che "la bozza di legge notificata debba restare congelata durante il periodo di esame Ue. Tuttavia, nel caso dell'Italia non si tratta di una bozza, ma di una vera legge". La presentazione della legge "costituisce un'anomalia rispetto alla procedura Tris, e una deviazione rispetto a quanto prevede il diritto Ue".  —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Oppenheimer in Giappone ha fatto discutere
L'incredibile storia della guerra degli emù
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter