Altro che patrioti, i soliti privatizzatori

La Meloni sta proseguendo un lavoro iniziato trentadue anni fa con la crociera del Britannia e che ha portato all’indebolimento dello Stato

In principio fu Mario Draghi, il «liquidatore dell’industria pubblica italiana». Così, nel 2008, lo definì, in diretta televisiva, l’ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga. «È il liquidatore, dopo la famosa crociera sul Britannia, dell’industria pubblica, la svendita dell’industria pubblica italiana quando era direttore generale del Tesoro. E immaginati cosa farebbe da presidente del Consiglio dei ministri. Svenderebbe quel che rimane: Finmeccanica, ENEL, ENI».

Giorgia Meloni e la privatizzazione in Italia
Giorgia Meloni al vertice internazionale “Italia-Africa. Un ponte per una crescita comune” (LaPresse) – ilMillimetro.it

Mario Draghi, da direttore del Tesoro, fu uno degli artefici della prima grande stagione di privatizzazioni in Italia. E fu lui in persona, il 2 giugno del 1992, a presentare il piano di dismissioni pubbliche a bordo del panfilo Britannia, appena salpato dal porto di Civitavecchia con il suo carico di dirigenti, politici e banchieri, per una gita di qualche ora nel Tirreno. La breve crociera venne finanziata dai British Invisible, un’organizzazione finanziaria inglese che promuove deregulation e dismissioni statali.

La prima grande privatizzazione

Il mondo stava cambiando, l’Italia stava cambiando. L’Unione Sovietica non esisteva più (l’ultimo Soviet Supremo aveva approvato la sua dissoluzione alcuni mesi prima), il PCI non esisteva più (il 3 febbraio del 1991, nella storica sede comunista della Bolognina, era nato il Partito Democratico della Sinistra), la DC si stava liquefacendo, travolta da scandali giudiziari. Un intero blocco di potere, il quale, con tutti i limiti, aveva permesso il mantenimento in Italia di uno Stato forte nonché la crescita del Welfare State, era ormai debolissimo.

Mario Draghi, un altro artefice della privatizzazione italiana
L’ex primo ministro Mario Draghi – ilMillimetro.it

La parola d’ordine per i politici di allora era una e soltanto una: vendere. O svendere. Nel 1993 venne privatizzata la SME, la quale, nel corso degli anni, era diventata il principale gruppo alimentare italiano. Gruppo alimentare pubblico. Alemagna, Motta, Antica Gelateria del Corso, tutti i marchi di proprietà SME vennero venduti a Nestlé. Autogrill passò al Gruppo Benetton mentre GS Supermercati venne acquistata da Schemaventuno, la società finanziaria di Leonardo Del Vecchio (fondatore di Luxottica) e Gilberto Benetton. Fu un affare. Per loro, non per lo Stato.

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Mercenari

Vantaggi economici, possibilità di cambiare vita, ideologie e odio per l’Occidente: cosa c’è alla base degli arruolamenti volontari dei foreign fighters. Luca Steinmann, collaboratore de il Millimetro, affronta il tema con il suo reportage realizzato direttamente nel Donbass. Greta Cristini ci parla della cosiddetta “guerra intelligente” che al momento non c’è ancora. Alessandro Di Battista affronta l’argomento della “privatizzazione” portata avanti dal Governo Meloni. All’interno anche L’angolo del solipsista, Vita da Cronista, Line-up, Pop Corn, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Andrea Pamparana, Alessandro De Dilectis, Simone Spoladori, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Splendido disegno di copertina di Paolo Niutta.
Il diciassettesimo numero de il Millimetro vi aspetta.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

La propaganda di Israele
Il primo ministro italiano tra guerra e menzogne
Lo scrittore censurato dalla tv pubblica per un monologo sul 25 aprile
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter