Carlo poco empatico con i sudditi più giovani, ecco le ‘accuse’ di William

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Dipendesse da lui, prenderebbe il posto del padre anche oggi. Il principe William sta infatti diventando "impaziente di sostituire" re Carlo. Parola dell'esperto reale Omid Scobie, che nel suo libro-bomba 'Endgame' rivela quanto il primogenito del sovrano britannico stia mettendo in ombra il genitore in un tentativo calcolato di subentrare presto al monarca. L'autore fornisce diversi esempi della sua tesi, a partire dalla vistosa assenza di king Charles al recente premio Earthshot, l'iniziativa ambientale di suo figlio.  Il motivo per averlo messo da parte? Secondo William, il padre non riuscirebbe a essere empatico con i sudditi più giovani. L'esperto reale Clive Irving – scrive l'Express – ha spiegato che "le persone sotto i 40 anni non pensano che la monarchia sia molto importante o che abbia un ruolo nelle loro vite". E il principe di Galles capisce bene che è in gioco il futuro del regno. "C'è la grande sensazione che William comprenda l'umore e la realtà sul campo molto più di quanto capirà mai Charles".  "Mentre la regina Elisabetta è riuscita a svolgere un ruolo nella vita quotidiana delle persone e, qualunque cosa facesse, era un pezzo accettato dell'arredo statale, Carlo non è stato in grado di fare quella svolta – sostiene Irving – e William non può più chiudere un occhio davanti ai difetti del re e gli prudono le mani. Lui sa tutto questo e deve aspettare fino ai 50 anni per subentrare? Sarebbe davvero assurdo". —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Tante persone ogni anno si incontrano per salvaguardare il territorio
Criminalità e superstizione rendono la vita ancora più complicata
Il prigioniero del secolo, Julian Assange continua la sua battaglia contro i poteri forti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter