Caso Salis, Gabriele Marchesi torna libero: per lui nessuna estradizione in Ungheria

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Gabriele Marchesi torna libero. Il 23enne, accusato di aver aggredito tre neonazisti a Budapest l'11 febbraio 2023 insieme alla connazionale Ilaria Salis che da quel giorno è detenuta in un carcere ungherese, non sarà consegnato all’Ungheria. Lo ha deciso la corte d’Appello di Milano – giudici Monica Fagnoni, Stefano Caramellino e Cristina Ravera – in merito al mandato di arresto europeo (emesso a ottobre ed eseguito lo scorso 21 novembre).  Una decisione che arriva al termine della sesta udienza e a poche ore dalla decisione ungherese di lasciare in carcere Ilaria Salis negandole gli arresti domiciliari. Da questo momento Marchesi non è più ai domiciliari, ma è un libero cittadino in Italia.  Le condizioni delle carceri in Ungheria, non aver fornito indicazioni sull’istituto che avrebbe accolto Gabriele Marchesi e la sproporzionalità della pena sono, in sintesi, i motivi che hanno portato i giudici della corte d’appello di Milano a negare la consegna a Budapest del 23enne. "Sono contento", così Gabriele Marchesi dopo la decisione dei giudici che hanno negato la sua consegna all’Ungheria.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Presto un nuovo progetto potrebbe rivoluzionare il mondo geopolitico
Il rinoceronte lanoso estinto 10mila anni fa
America sconvolta per l'attentato al presidente Trump
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter