Chint Italia Investment: dall’agrivoltaico ai sistemi di accumulo, nuove soluzioni per un’Italia più sostenibile e competitiva

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) –
La branch italiana del colosso cinese Chint Global ha recentemente fatto il punto sulle opportunità tecnologiche disponibili per sostenere la transizione energetica nel nostro Paese.
 Mestre (VE), 11 gennaio 2024. Un quadro molto chiaro, con delle direttrici da seguire ben tracciate, quello dipinto dall’Ing. Iames Chiarello, Sales Engineer di Chint Italia Investment Srl nel corso del proprio intervento alla XVI edizione del Forum QualEnergia, la conferenza nazionale organizzata a Roma lo scorso dicembre da Legambiente, Editoriale Nuova Ecologia e Kyoto Club, di cui la branch italiana del colosso cinese Chint global – azienda leader nel mondo per la produzione di apparati, che spaziano dalla componentistica elettrica per la bassa, media e alta tensione, all’automazione industriale e al fotovoltaico – è stata Gold Partner per il secondo anno consecutivo. Sono diverse, infatti, le soluzioni tecnologiche che CHINT è in grado di proporre in ambito energetico con un trend di crescita interessante non solo a livello globale ma anche a livello nazionale e che possono rivelarsi estremamente utili per supportare l’Italia nella cosiddetta transizione energetica.
 
Agrivoltaico
 La prima riguarda l’agrivoltaico, ovvero la possibilità di sfruttare l’energia solare posando pannelli su campi coltivati, senza che questo danneggi in alcun modo le pratiche agricole sottostanti. Questa soluzione viene già applicata con successo nel mondo in ambito ittico, con parchi fotovoltaici posati in mare sopra gli allevamenti, nelle risaie o sulle coltivazioni a terra. In Europa si è chiuso il 2023 con appena 6.5 GW prodotti con questa tecnologia, ma l’obiettivo è di arrivare a decuplicare questa cifra entro il 2026. Secondo uno studio del Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea se si installassero impianti agrivoltaici solo sull'1% della superficie agricola utilizzata in Europa si raggiungerebbe una produzione di energia di 1 TW, ben al di sopra degli obiettivi del Green Deal europeo. Si tratta dunque di una tecnologia che può concretamente contribuire alla transizione energetica e alla protezione dell’ambiente, ma che deve essere ancora migliorata attraverso investimenti in Ricerca e Sviluppo. A questo va aggiunta la necessità di semplificare le procedure di autorizzazione e connessione alla rete e di coinvolgere in maniera strategica le comunità rurali. L’Italia, nei suoi primi passi in questo ambito, si presenta attualmente con 2.7 GW installati fino a giugno 2023.
 
Sistemi fotovoltaici C&I
 La seconda possibilità è il potenziamento dei sistemi fotovoltaici destinati ai clienti commerciali ed industriali (C&I), che consentirebbero un importante abbattimento dei costi dell’energia attraverso l’autoconsumo. In Italia la taglia media degli impianti di questo tipo è di circa 1 MW ma il mercato è in forte crescita nel nostro Paese, raggiungendo già a fine 2023 il 30% dell’obiettivo di produzione preventivato per il 2030. In Europa sono stati installati a dicembre 2023 19,4 GW di capacità fotovoltaica C&I, in aumento del 32% rispetto allo stesso periodo del 2022. In Italia, nei primi 9 mesi del 2023 sono stati installati 1,7 GW di capacità fotovoltaica C&I, in aumento del 200% rispetto allo stesso periodo del 2022. Questa crescita è stata guidata dal Superbonus 110%, che ha reso molto conveniente l'installazione di impianti fotovoltaici per le aziende. 
Sistemi di accumulo e stoccaggio dell’energia
 La terza soluzione, abbinabile a quella precedente, è l’implementazione di sistemi di accumulo, utili non solo per l’autosufficienza degli stabilimenti, ma per alimentare anche i grandi Data Center che, come ben noto, sono fortemente energivori, ma che stanno diventando sempre più imponenti e diffusi, anche in virtù dell’impulso tecnologico dato recentemente dai progressi nell’ambito dell’intelligenza artificiale (AI). A livello globale gli investimenti in “energia pulita” dal 2015 ad oggi sono passati da poco più di 1.000 miliardi di dollari ai 1.800 del 2023 (Fonte IEA), testimoniando quanto la transizione energetica sia diventata un tema centrale a livello mondiale e quanto la nuova tecnologia di stoccaggio dell’energia sia oggi una necessità per la trasformazione dell’intera struttura energetica. Per dare un’idea del trend in questo settore, nel 2021 c’è stata una crescita del 34% negli USA, del 22% in Europa e del 24% in Cina di nuovi impianti di stoccaggio dell’energia. “Queste tre soluzioni – commenta Giampiero Tung, Amministratore Delegato di Chint Italia – che siamo già in grado di proporre al mercato, unite agli sforzi che CHINT sta mettendo in campo a livello globale in Ricerca e Sviluppo, hanno come obiettivo quello di contribuire a raggiungere nel 2050 la totale decarbonizzazione della filiera dell’energia, attraverso una sempre maggiore efficienza degli impianti, il riciclo dei rifiuti, l’utilizzo di materiali rinnovabili. Essere stati al Forum QualEnergia, ha significato per noi portare esempi concreti di come la transizione energetica sia un obiettivo raggiungibile, anche grazie alle soluzioni che siamo in grado di proporre al mercato italiano”. 
About CHINT Italia Investment S.r.l.
 Presente in Italia da oltre vent’anni con una rete commerciale diffusa su tutto il territorio nazionale, CHINT Italia è la branch nazionale di CHINT Global, azienda leader nel mondo per la produzione di apparati, che spaziano dalla componentistica elettrica per la bassa, media e alta tensione, all’automazione industriale e al fotovoltaico. Fondata nel 1984 a Wenzhou in Cina, CHINT ha sviluppato una rete commerciale in oltre 140 paesi e regioni, attestandosi tra i principali produttori in Asia di componenti destinati al settore industriale, commerciale e residenziale e di soluzioni per la Smart Energy. Con 26 sedi internazionali, 20 centri logistici, 13 stabilimenti produttivi, 5 aree di marketing e vendite internazionali e oltre 2300 tra distributori e rivenditori CHINT è uno dei player leader del settore energetico a livello mondiale. Il Gruppo ha raggiunto nel 2022 i 18,34 miliardi di dollari di fatturato. 
Ufficio stampa CHINT Italia Investment S.r.l.
 Spin-To. Move on together. Spin-To the future Alessandro Bertin l Gabriele Rossetto M. +39 338 8291494 l M. +39 339 6273156 
bertin@spin-to.it l rossetto@spin-to.it
 www.spin-to.it —immediapress/energiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Proteste dei ragazzi in merito al conflitto tra Israele e Palestina
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter