ChitarraFacile.com, il progetto di David Carelse per imparare a suonare con il metodo del Flow

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Roma, 12 dicembre 2023 – Si può imparare a suonare (bene) la chitarra sfruttando la teoria del flusso di pensieri? La risposta è sì, ed è ben visibile in ChitarraFacile.com, iniziativa del chitarrista David Carelse. Il progetto nasce con l’idea di unire due delle sue passioni: l’insegnamento della chitarra e il web. “Nel 2005 già guadagnavo con dei siti online, nel 2007 ho creato una community di musicisti online, una sorta di Facebook per musicisti e poi nel 2009 arrivò l’idea di Chitarra Facile da una persona con cui lavoravo. – Racconta David Carelse – Inizialmente avevo paura di insegnare online, ma fu Giulio, un collega ed amico, che fortunatamente mi convinse, forzandomi un po’. Nel 2010, dopo mesi di contenuti gratuiti e tante richieste, ho venduto il mio primo corso base. Il successo ottenuto mi fece capire che quello che stavo facendo era importante per molto persone e da lì mi sono messo ogni giorno a migliorare la mia didattica e studiare le scienze cognitive, tanto da arrivare a creare un primo metodo veramente di alto livello nel 2016”. Da ormai 15 anni, ChitarraFacile.com forma o migliora musicisti attraverso un metodo anche sulla teoria del flow, teorizzato dallo psicologo ungherese Mihály Csíkszentmihályi che sfrutta il flusso di pensieri, definito in psicologia come uno stato di coscienza in cui la persona è completamente immersa, concentrata e coinvolta in un'attività e la mente ed il corpo sono in perfetta simbiosi. “Come sanno fare molto bene nel mondo dei videogiochi, non bisogna fare in modo che il livello di sfida, o la difficoltà della lezione/esercizio sia troppo basso, perché affiorerebbe la noia, ma neanche troppo alto, perché se no crollerebbe la motivazione. – Spiega Carelse – Oltre a questo, la nostra scuola che si rivolge principalmente ad hobbisti (anche se qualcuno poi ha raggiunto livelli professionali in seguito), si pone l’obiettivo di far appassionare e ottenere più risultati possibili a chi inizia. Da un recente studio, infatti, il 90% dei chitarristi molla il primo anno, quindi è necessario migliorare il primo approccio. Questa è la nostra missione, e per farlo cerchiamo di creare dei piccolissimi step in cui l’aspirante chitarrista ottiene un risultato, magari piccolo, per ognuno di questi, in modo che sia stimolato ad andare avanti con il percorso”. Un approccio vincente, che ha portato ChitarraFacile.com a crescere velocemente, diventando una delle scuole online più amate. La maggior parte degli iscritti è costituita da adulti sopra i 30 anni che vogliono coltivare un nuovo hobby oppure vogliono riprendere in mano quella chitarra che anni prima avevano provato a suonare, ma senza successo (proprio a causa dei metodi sbagliati). Oggi fanno parte del team, oltre al suo fondatore, maestri esperti, formati e certificati da Carelse stesso, che offrono lezioni 1 a 1 e corsi digitali, ma anche dei tutor che seguono personalmente ogni studente per rispondere alle domande e risolvere i problemi tecnici. Negli ultimi anni David Carelse ha pubblicato anche dei libri sul tema, che hanno scalato le classifiche di Amazon. “Oggi possiamo contare su tecnologie esclusive ed altre che abbiamo implementato nel nostro percorso per facilitare l’apprendimento, e fanno divertire e imparare più velocemente. Nel futuro ci aspettiamo di dare sempre più lavoro ai musicisti che hanno la vocazione per l’insegnamento e poi qualche pazza idea ce l’abbiamo ma non vorrei spoilerare troppo” conclude Carelse. Per maggiori informazioni: 
https://chitarrafacile.com
 —immediapresswebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Gaza, il futuro dei giovani intrappolati
Analogie tra nativi americani e palestinesi
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter