Consulta, Augusto Barbera è il nuovo presidente

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Augusto Antonio Barbera è il nuovo presidente della Corte costituzionale. Barbera ha nominato vicepresidenti della Corte i giudici Franco Modugno, Giulio Prosperetti e Giovanni Amoroso. "Sono stato eletto in un collegio di 14 giudici non essendoci ancora il giudice di competenza del Parlamento. Abbiamo dovuto rinviare di un mese l'elezione del presidente della Corte. Il mio auspicio è che quanto prima si possa completare il collegio", ha fatto sapere il neo presidente della Corte costituzionale durante la conferenza stampa. "La votazione è stata pressoché unanime – ha aggiunto – C'è stata solo una scheda bianca. Ringrazio Modugno e Prosperetti entrati con me in questa Corte". Va a un siciliano la presidenza della Corte costituzionale: Il nuovo presidente eletto Augusto Antonio Barbera, che aveva già ricoperto il ruolo di presidente pro tempore della Consulta al termine dell'incarico dell'ex presidente della Corte Silvana Sciarra, è nato infatti ad Aidone in Provincia di Enna il 25 giugno 1938 e si è formato a Catania dove, nel 1968, ha conseguito la libera docenza in diritto costituzionale. Eletto Giudice della Corte costituzionale dal Parlamento il 16 dicembre 2015, su proposta del Pd, darà il suo addio alla Corte a fine dicembre 2024. Professore emerito di Diritto costituzionale l’Università di Bologna (dal 1994 fino al 2010), tra gli altri incarichi, è stato componente effettivo e Presidente del Collegio Garante della costituzionalità delle norme della Repubblica di San Marino dal 2003 al 2012; nonché Vicepresidente del Consiglio di presidenza della Giustizia amministrativa, nel quadriennio 2001-2005. Barbera ha fatto parte di diverse Commissioni presso Regioni e Ministeri. Tra queste, è stato Presidente della Commissione governativa che ha portato all’elaborazione del Testo unico delle leggi sulle autonomie locali (d.P.R. n. 267 del 2000) ed è stato inoltre chiamato a fare parte, nel maggio 2013, della c.d. Commissione dei “Saggi”, costituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per la revisione della seconda parte della Costituzione. È stato anche Presidente dell’ISle, Istituto italiano di studi legislativi, di cui è a tutt’oggi Presidente onorario, nonché componente del consiglio scientifico della Scuola di scienza e tecnica della legislazione costituita presso il medesimo Istituto; è stato componente del Consiglio di amministrazione dell’Istituto Parri dell’Emilia Romagna e componente del Consiglio di indirizzo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna (2010-2015). Ha svolto attività politica: è stato eletto alla Camera dei deputati nelle liste del Pci e del Pds, per cinque legislature, fra il 1976 e il 1994. Dal 1987 al 1992 è stato Presidente della Commissione parlamentare per le questioni regionali, nonché, dal 1983 al 1985, componente della Commissione bicamerale per le riforme costituzionali (Commissione Bozzi); dal 1992, è stato Vicepresidente della Commissione bicamerale per le riforme istituzionali (Commissione De Mita-Iotti). Nell’aprile 1993 è stato nominato Ministro per i Rapporti con il Parlamento (Governo Ciampi). È stato fra i promotori dei referendum elettorali del 1991, del 1993 e del 1999. È stato consigliere regionale della Regione Emilia-Romagna (dal 1980 al 1982). È sposato da cinquantadue anni con Maria Montemagno e ha due figli, Alessandro e Teresa.  —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Il giornalista di WikiLeaks a processo per l'estradizione negli Stati Uniti
Muore il presidente dell'Iran Ebrahim Raisi
Il Canada restituisce 200 isole agli indigeni
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter