Covid, Wsj: “Cina mappò virus 2 settimane prima di annuncio ufficiale”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Un laboratorio cinese avrebbe mappato il coronavirus Sars-CoV-2 due settimane prima che Pechino rivelasse al mondo i dettagli del patogeno letale divenuto successivamente responsabile della pandemia. E' quanto riferisce il 'Wall Street Journal', facendo rifermento a documenti ottenuti dal Dipartimento Salute e Servizi umani degli Stati Uniti da un comitato della Camera ed esaminati dal giornale. L'informazione solleva di nuovo interrogativi su ciò che la Cina sapeva nei primi giorni cruciali della pandemia. Questi documenti mostrano che un ricercatore cinese a Pechino ha caricato una sequenza quasi completa della struttura del virus in un database gestito dal governo statunitense il 28 dicembre 2019. All'epoca però i funzionari del gigante asiatico – osserva Wsj – stavano ancora descrivendo pubblicamente l'epidemia a Wuhan, in Cina, come una polmonite virale "di causa sconosciuta" e dovevano ancora chiudere il mercato all'ingrosso dei frutti di mare di Huanan, luogo che fu uno dei primi focolai di Covid-19. I tempi, evidenziano gli specialisti, potrebbero rivelarsi fondamentali nella lotta alla pandemia.  —salute/sanitawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Trump sfida Harris, Biden si ritira, e il mondo trema
Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
Usa, Biden si ritira: sale Kamala Harris
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter