Eurovision Song Contest, si ritira la presentatrice italo-norvegese: “A Gaza un genocidio”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – La cantante norvegese di origine italiana Alessandra Mele, che avrebbe dovuto essere la 'spokeperson' per la Norvegia alla finale di Eurovision, ha annunciato il suo ritiro dalla trasmissione poche ore prima della finale, denunciando le azioni di Israele nella Striscia di Gaza.  "E' in atto un genocidio. Aprite gli occhi. Aprite i cuori. Lasciate che il cuore vi porti alla verità", ha affermato Mele, che ha 21 anni, in un video su Instagram. Il motto di Eurovision 'Uniti nella musica', ha aggiunto, è la ragione per cui è diventata musicista. "Ma in questo momento queste parole sono vuole". Lo scorso anno si era classificata al quinto posto di Eurovision con "Queens of Kings".  Nella città di Malmo, che ospita la gara, si è svolta una riunione di emergenza. La presentatrice, Ingvild Helljesen, dell'emittente televisiva Nrk, dovrebbe prendere il posto di Mele. Non hanno poi preso parte alle prove, probabilmente in segno di protesta, i rappresentanti di Irlanda, Svizzera, Grecia.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Il Canada restituisce 200 isole agli indigeni
Israele, una fabbrica di guerra
Gaza, il futuro dei giovani intrappolati
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter