Ferrari: arriva l’accordo sulle batterie

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Firmato l’accordo con la Sk On, azienda sudcoreana specializzata nella produzione di batterie per auto elettriche. Il memorandum d’intesa che Ferrari ha siglato, rientra nel piano strategico del Marchio italiano, verso la realizzazione di supercar sempre più sostenibili e a zero emissioni.  La Sk On attualmente già fornisce al Marchio del Cavallino Rampante, batterie in grado di alimentare alcuni dei suoi modelli più veloci e prestazionali, dalla SF90 Stradale alle velocissime 296 GTS e 296 GTB.
 
Benedetto Vigna, CEO di Ferrari, ha dichiarato come, questa partnership contribuirà al progresso tecnologico del Marchio Italiano, ma anche Lee Sao-hee, CEO di SK On, ha affermato che la fornitura di batterie al famoso costruttore, darà una forte spinta verso la realizzazione di nuovi modelli a zero emissioni.  Sarà ancora una volta, una sportiva senza compromessi, una supercar che traghetterà la Casa di Maranello, non verso una svolta storica, ma in un orizzonte parallelo a quello fino ad oggi intrapreso.  Visto i suoi “ridotti volumi di vendita”, la Ferrari non è obbligata allo switch termico/elettrico, ma il passaggio all’elettrificazione è un per certi versi, uno step necessario per ogni costruttore, al fine di stare al passo con i tempi e con la concorrenza.  La Purosangue non ha deluso le aspettative, SUV spinto da un potentissimo V12
aspirato da oltre 700 cavalli e che ha fatto registrare il sold out per i prossimi due anni. La prima Ferrari elettrica dovrà essere coinvolgente, veloce, esclusiva e soprattutto avere un sound da supercar!  —motoriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

La propaganda di Israele
Il primo ministro italiano tra guerra e menzogne
Lo scrittore censurato dalla tv pubblica per un monologo sul 25 aprile
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter