Finalmente Assange

La gioia e la sua famiglia per Julian non cancella rabbia per chi ha permesso la sua infame prigionia

Julian Assange, un grande giornalista che ha perso la libertà per aver fornito alle pubbliche opinioni mondiali notizie vere di pubblico interesse, informazioni che ci hanno reso, perlomeno hanno reso tutti coloro che hanno deciso di informarsi davvero, ci hanno reso più consapevoli, più informati, più sovrani dal punto di vista intellettuale, è libero.

E io sono contento, perché penso ai suoi figli, penso a sua moglie, penso alla comunità di Wikileaks. Spero, mi auguro che possa tornare a lavorare al 100%, perché è un grande giornalista.

Assange, finalmente libero
Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange è finalmente libero (LaPresse) – ilMillimetro.it

Allo stesso tempo non mi passa la rabbia nei confronti di tutti coloro che hanno preferito tacere, che non si sono mai dedicati alla questione Assange, perché il loro silenzio ha permesso questa infame prigionia che si è consumata nel cosiddetto libero e democratico Occidente.

I principali aguzzini di Assange, coloro che l’hanno davvero incarcerato, sono i suoi presunti colleghi giornalisti, che hanno preferito salvaguardare le proprie carriere piuttosto che lavorare a favore della libertà di informazione. Ad ogni modo oggi siamo contenti per lui e per la sua famiglia.

Per acquistare l'ultimo numero della nostra rivista clicca qui:

La storia al contrario

Il terrorismo israeliano e lo “spazio vitale” nazional-sionista. Nell’articolo principale Alessandro Di Battista sottolinea come sia «triste constatare quanto i discendenti delle vittime dell’Olocausto stiano, giorno dopo giorno, assomigliando sempre più ai peggiori carnefici della Storia». Greta Cristini analizza geopoliticamente i possibili scenari, mentre Luca Steinmann e Valerio Nicolosi ci raccontano la vita in Libano e in Cisgiordania con i loro reportage. All’interno Line-up, Un Podcast per capello, Ultima fila e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Alessandro De Dilectis, Riccardo Cotumaccio, Marta Zelioli e Cesare Paris.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Il caffè alla base del capitalismo
Trump sfida Harris, Biden si ritira, e il mondo trema
Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter