Fine Vita. Pro Vita Famiglia: Dopo Zaia anche da Toti deriva radicale per morte di Stato

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Genova, 6 febbraio 2024. «Il centrodestra ha ora un’altra serpe in seno radicale, dopo Zaia in Veneto, pronta a tradire la volontà degli elettori: il presidente della Liguria Giovanni Toti. Lo stesso Toti che in campagna elettorale aveva
firmato

il nostro Manifesto Valoriale impegnandosi a tutelare la vita dal suo concepimento alla morte naturale. Infischiandosene di possibili vizi di legittimità Toti forse vuole sostituirsi allo Stato? Vuole forse spalancare le porte ad uno Stato disumano che procura la morte di chi è fragile, solo, indifeso e improduttivo per l’economia e la società. Perché è questa la drammatica natura dell’eutanasia e del suicidio medicalmente assistito che si vuole portare avanti con la proposta di legge nella Regione Liguria. Ci appelliamo alla maggioranza in Regione affinché la proposta venga rimandata al mittente. I cittadini liguri, come quelli veneti, infatti, hanno votato gli schieramenti di centrodestra perché condividono ideali e promesse da sempre in netta contrapposizione all’eutanasia. La strada da seguire è semmai tutt’altra: incentivare le cure palliative, gli Hospice, l’assistenza alle famiglie delle persone fragili e la vera attuazione della legge 38/2010». Così Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia onlus. -Ufficio Stampa Pro Vita e Famiglia Onlus
 t.: 0694325503 m.: 3929042395 
stampa@provitaefamiglia.it
 —immediapresswebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

L'unica vera guerra è quella contro la bomba atomica
Piero Pelù e la sua battaglia contro bomba atomica
Francia alla ricerca di una sua identità
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter