Fisco, novità in arrivo su cartelle e riscossione: la bozza del decreto

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Esaminato in via preliminare nel Consiglio dei ministri di oggi anche un decreto legislativo con disposizioni in materia "di riordino del sistema nazionale della riscossione". Dal discarico delle cartelle esattoriali non riscosse entro 5 anni fino alla rateizzazione per "obiettiva difficoltà", ecco cosa c'è nella bozza del decreto. Le cartelle esattoriali "affidate all’Agenzia delle entrate-riscossione a decorrere dal 1° gennaio 2025 e non riscosse entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello di affidamento" saranno "automaticamente discaricate secondo quanto stabilito con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze", si legge nell'articolo 3 della bozza di decreto legislativo in materia di riordino del sistema nazionale della Riscossione in cui si aggiunge che "in ogni caso l’Agenzia delle entrate-riscossione può trasmettere in qualsiasi momento all’ente titolare del credito… la comunicazione di discarico anticipato delle quote che le sono state affidate dal 1° gennaio 2025 e per le quali la stessa ha rilevato la chiusura del fallimento o della liquidazione giudiziale …o l’assenza di beni del debitore suscettibili di poter essere aggrediti". Il "contribuente che dichiara di versare in temporanea situazione di obiettiva difficoltà" – se "documentata" – ottenere dall’Agenzia delle entrate-riscossione la dilazione del pagamento fino a 120 rate mensili nel caso di somme di importo superiore a 120 mila euro "indipendentemente dalla data di presentazione della richiesta", si legge nella bozza del dl. Il testo prevede poi con una "semplice richiesta" e "per le somme di importo fino a 120.000 euro: da ottantacinque a un massimo di centoventi rate mensili, per le richieste presentate negli anni 2025 e 2026; da novantasette a un massimo di centoventi rate mensili, per le richieste presentate negli anni 2027 e 2028; da centonove a un massimo di centoventi rate mensili, per le richieste presentate a decorrere dal 1° gennaio 2029". "La valutazione della sussistenza della temporanea situazione di obiettiva difficoltà, documentata dal contribuente, è effettuata" guardando "a) per le persone fisiche e i titolari di ditte individuali in regimi fiscali semplificati, all’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) del nucleo familiare del debitore e all’entità del debito da rateizzare e di quello residuo eventualmente già in rateazione" oppure "per i soggetti diversi da quelli di cui alla lettera a) all’indice di liquidità e al rapporto tra debito da rateizzare e quello residuo eventualmente già in rateazione e il valore della produzione". Secondo quanto si legge ancora nella bozza, a decorrere dal 1° gennaio 2025 l’Agenzia delle entrate-riscossione dovrà notificare le cartelle di pagamento "non oltre il nono mese successivo a quello di affidamento del carico oppure nel più ampio termine che consegue dalle norme di legge che disciplinano gli effetti di eventi eccezionali".  —facilitaliawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Tante persone ogni anno si incontrano per salvaguardare il territorio
Criminalità e superstizione rendono la vita ancora più complicata
Il prigioniero del secolo, Julian Assange continua la sua battaglia contro i poteri forti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter