Foreign fighters nel Donbass – Video reportage

Vantaggi economici, possibilità di cambiare vita, ideologie e odio per l’Occidente: cosa c’è alla base di questi arruolamenti volontari

Donetsk. «Per adesso sono ancora cittadino italiano ma sto aspettando la cittadinanza russa. Per me è un ritorno alle origini, sono di produzione sovietica» dice Vlad, capelli biondi e corti, occhi chiari e addosso una divisa militare verde. Seduto su una cassapanca, mentre parla si rigira tra le mani una sigaretta spenta, intorno a lui altri soldati chiacchierano tra loro. Qualcuno in russo, altri in spagnolo, inglese, francese e altre lingue meno diffuse. Sono tutti giovani uomini giunti negli ultimi mesi nel Donbass da ogni angolo del mondo per arruolarsi nell’esercito russo e combattere contro quello ucraino.

Mercenari nel Donbass
Soldato perlustra case distrutte dai bombardamenti a Horlivka – ilMillimetro.it

Alcuni di loro si raggruppano intorno a un veterano che impugna un telefono dal quale rimbombano le note di Katiuscia, la canzone patriottica russa che nella Seconda guerra mondiale divenne una sorta di inno non ufficiale dell’Armata Rossa. I soldati la provano a cantare. «Per quelli di noi che non parlano russo è un buon esercizio per impararlo», dice un ragazzo con l’accento spagnolo, «siamo gli eredi della lotta contro i nazisti». Il suono della musica, di tanto in tanto, è interrotto dalle esplosioni che provengono dagli adiacenti campi di battaglia.

Vlad, l’italo-russo a Donetsk

Vlad ha 42 anni ed è nato in Unione Sovietica. Trasferitosi da bambino in Italia insieme alla madre, dopo gli studi ha lavorato per diciotto anni nelle Marche come produttore di sassofoni. Sposato con due figli, la scorsa estate ha abbandonato tutto per recarsi a Donetsk, la più grande città del Donbass controllata dai russi ma semi-circondata dall’esercito ucraino. Qui si è arruolato in un battaglione filorusso che combatte in questa regione dal 2014 e che ora è stato ufficialmente inglobato nell’esercito di Mosca.

Molti soldati hanno perso la vita in battaglia
Il cadavere di un soldato ucraino giace in un campo – ilMillimetro.it

Vlad è un fante d’assalto, le cui missioni consistono nell’avanzare armi in mano nelle sterminate steppe che circondano Donetsk per attaccare le posizioni nemiche.

Negli ultimi mesi ha preso parte a battaglie sanguinose, diversi suoi compagni d’armi sono stati feriti, uno è morto. «Non tornerò più indietro» dice. «In Italia e in Occidente non vedo alcun futuro. C’è una colonizzazione culturale imposta dall’alto, dagli Stati Uniti. Una troppo forte ideologia LGBT. Io non ho mai avuto un’ideologia politica, sono venuto qui a difendere la mia civiltà russa. Gli ucraini sono anche loro russi, oggi combattono contro di noi perché sono vittime della propaganda americana».

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Mercenari

Vantaggi economici, possibilità di cambiare vita, ideologie e odio per l’Occidente: cosa c’è alla base degli arruolamenti volontari dei foreign fighters. Luca Steinmann, collaboratore de il Millimetro, affronta il tema con il suo reportage realizzato direttamente nel Donbass. Greta Cristini ci parla della cosiddetta “guerra intelligente” che al momento non c’è ancora. Alessandro Di Battista affronta l’argomento della “privatizzazione” portata avanti dal Governo Meloni. All’interno anche L’angolo del solipsista, Vita da Cronista, Line-up, Pop Corn, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Andrea Pamparana, Alessandro De Dilectis, Simone Spoladori, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Splendido disegno di copertina di Paolo Niutta.
Il diciassettesimo numero de il Millimetro vi aspetta.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Trump sfida Harris, Biden si ritira, e il mondo trema
Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
Usa, Biden si ritira: sale Kamala Harris
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter