Forza Julian

Il giornalista australiano potrà ricorrere in appello contro l’ordine di estradizione negli Stati Uniti per l’accusa di spionaggio

L’Alta Corte di Londra ha deciso che Julian Assange potrà ricorrere nuovamente in appello e tentare di evitare l’estradizione negli Stati Uniti, dove rischia una condanna a 175 anni di carcere. Pensate, la violazione di una legge sullo spionaggio. Una legge liberticida approvata dal Congresso americano nel 1917. E tutto ciò, tra le spie che vendono segreti a paesi stranieri e giornalisti che decidono di fornire alle pubbliche opinioni mondiali informazioni per renderle più autonome. Questo ha fatto Julian Assange, fornire alla pubblica opinione mondiale notizie vere di pubblico interesse sulle schifezze fatte dal complesso industriale americano e dai governi americani. È una buona notizia quella di ieri, non era nemmeno scontata. Ma allo stesso tempo non dimentico che Assange lo hanno in parte già ammazzato. 

Il giornalista di WikiLeaks a processo per l'estradizione negli Stati Uniti
Julian Assange rischia 175 anni di carcere – (foto LaPresse) ilMillimetro.it

Dal 2012 non è più un cittadino libero, nonostante abbia soltanto fatto, e con grande qualità, il mestiere del giornalista. Ha passato 7 anni nell’Ambasciata dell’Ecuador – a Londra – per salvarsi fondamentalmente da una persecuzione. E poi, da oltre quattro anni, sta marcendo nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, la Guantanamo britannica. Pensate, ironia della sorte: l’uomo che c’ha permesso di conoscere i crimini commessi all’interno di Guantanamo, che marcisce nella Guantanamo inglese. Quello che possiamo fare oggi è seguire la vicenda e non smettere mai di parlare di Julian Assange. Perché la sua libertà…ha a che fare con la nostra stessa libertà.

Per acquistare l'ultimo numero della nostra rivista clicca qui:

Mai più

Tra guerre, bombe e nucleare Piero Pelù torna con Deserti e grida al mondo: “Mai più!”. Nell’intervista realizzata da Dario Morciano andiamo in viaggio con il rocker toscano, che si è ripreso la scena con un disco potentemente rock in cui denuncia le barbarie del presente, contraddistinto da conflitti mondiali e una disinformazione sempre crescente. Alessandro Di Battista parla del pericolo di un’escalation nucleare, un rischio altissimo e che ha superato quello vissuto nel corso della “crisi dei Caraibi”. All’interno Tutt’altra politica, Line-up, Un Podcast per capello, Ultima fila e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Paolo Di Falco, Alessandro De Dilectis, Riccardo Cotumaccio, Marta Zelioli e Cesare Paris. Copertina a cura de “I Buoni Motivi”.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Oppenheimer in Giappone ha fatto discutere
L'incredibile storia della guerra degli emù
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter