Gaza, Israele: “Guerra va avanti, Hamas vuole escalation durante Ramadan”

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) –
Inizia il Ramadan, non c'è accordo tra Israele e Hamas: l'operazione militare a Gaza continua. I vertici militari israeliani e lo Shin Bet hanno "approvato i piani per continuare la guerra", è l'informazione che filtra dalle Forze di difesa israeliane (Idf) dopo una riunione tra il capo di Stato maggiore, Herzi Halevi, e il capo dello Shin Bet, Ronen Bar, andata in scena presso il quartier generale del Comando meridionale a Beersheba. Secondo le Idf, all'incontro hanno partecipato anche il capo del Comando meridionale, il generale Yaron Finkelman, il vice capo dello Shin Bet ed altri ufficiali. L'inizio del Ramadan, il mese sacro per i musulmani, può coincidere con un momento di particolare tensione e le Forze di difesa israeliane (Idf) sono pronte "per ogni scenario possibile in tutti i teatri", assicura il portavoce delle Idf, Daniel Hagari, affermando che l'esercito sta "rafforzando" la sua preparazione. "Hamas impedisce un accordo e agisce al contrario di quello che suggeriscono i mediatori", dice Hagari in una conferenza stampa. Il portavoce aggiunge che secondo l'intelligence israeliana, "Hamas sta accumulando equipaggiamenti e cibo per i suoi membri, mentre la popolazione di Gaza ha difficoltà a ottenere rifornimenti". 
Hamas "sta rafforzando la sua posizione, come se non fosse interessato a un accordo, e cerca di infiammare le regione durante il Ramadan", che inizia oggi, "a spese della popolazione palestinese della Striscia di Gaza", è la valutazione del Mossad, secondo quanto reso noto dall'ufficio del premier israeliano Benjamin Netanyahu. Confermato, riporta ancora il Times of Israel, un incontro tra il direttore David Barnea e il capo della Cia, William Burns, un faccia a faccia avvenuto venerdì "nel quadro dell'impegno incessante per promuovere un altro accordo per il ritorno degli ostaggi". "Continuano i colloqui e la cooperazione con i mediatori", aggiungono da Israele. Lo stallo nei negoziati sta spingendo il Qatar, mediatore dall'inizio della crisi, verso una posizione più intransigente nei confronti di Hamas. Doha, secondo il Wall Street Journal, starebbe minacciando di espellere i leader di Hamas, tra cui il capo dell'ufficio politico Ismail Haniyeh, che vivono in autoesilio nell'emirato qualora continuassero a non accettare un accordo sul cessate il fuoco ed il rilascio degli ostaggi. Husam Badran, esponente del gruppo palestinese che risiede a Doha, smentisce tuttavia la notizia, sottolineando che senza un accordo, la violenza aumenterà durante il mese sacro di Ramadan. "Non abbiamo dichiarato che i negoziati sono stati interrotti. Siamo la parte che più desidera fermare questa guerra", dice, rimarcando che le condizioni poste da Hamas per un accordo sugli ostaggi includono un cessate il fuoco permanente, il ritorno dei civili sfollati nel nord di Gaza, l'aumento degli aiuti umanitari e il ritiro delle truppe israeliane dalla Striscia.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

La guerra ha preso una piega senza fine
Tante persone ogni anno si incontrano per salvaguardare il territorio
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter