Gaza sotto assedio, Netanyahu ammette: “Non riusciamo a ridurre le vittime civili”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Dopo che Israele ha dichiarato il controllo della parte settentrionale di Gaza, compresa Gaza City, secondo le ultime news sulla guerra di oggi, 17 novembre 2023, ci sono indicazioni che un’offensiva di terra nel sud potrebbe essere imminente. Ilpremier israeliano Benjamin Netanyahuha intanto ammesso che "stiamo cercando di fare il minor numero possibile di vittime civili. Ma purtroppo non ci stiamo riuscendo".  Ieri sono stati lanciati volantini su quattro comunità a est di Khan Younis, la più grande città nel sud della Striscia, avvertendo le persone che vivono lì di “dirigersi verso i rifugi conosciuti”. Ma nell'enclave sono rimasti pochi posti sicuri. Le organizzazioni umanitarie affermano che qualsiasi mossa da parte di Israele nel sud di Gaza potrebbe peggiorare notevolmente una situazione umanitaria già grave. All’interno del territorio assediato, gli abitanti di Gaza si trovano ad affrontare la “possibilità immediata di morire di fame” poiché la carenza di carburante paralizza la produzione e la distribuzione di cibo, ha avvertito il Programma alimentare mondiale (WFP). Anche a Gaza è in corso un " blackout totale delle comunicazioni " a causa della carenza di carburante, ha detto il capo dell'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA), Philippe Lazzarini.  "Ogni vittima civile è una tragedia" e "non dovrebbero essercene perché stiamo facendo tutto il possibile affinché i civili siano lontano dai pericoli, mentre Hamas sta facendo di tutto perché siano in situazioni di rischio", ha affermato il premier israeliano Benjamin Netanyahu in un'intervista alla Cbs. "Cercheremo di concludere il lavoro con il minor numero possibile di vittime civili, è quello che stiamo cercando di fare – ha detto – Ma purtroppo non ci siamo riusciti". Nell'intervista Netanyahu ha anche detto che Israele aveva "forti indizi" sulla presenza di ostaggi trattenuti da Hamas nell'ospedale al-Shifa. "Avevamo forti indizi – ha affermato – ed è uno dei motivi per cui siamo entrati nell'ospedale". "Se c'erano, sono stati portati via – ha aggiunto – Abbiamo informazioni di intelligence sugli ostaggi, ma meno ne parlo e meglio è".  Tre palestinesi, tra i quali ci sarebbe un comandante delle Brigate al Quds, braccio armato della Jihad islamica, sarebbero stati uccisi in un attacco con droni effettuato dalle forze israeliane contro il campo profughi di Jenin, in Cisgiordania. Nove persone sono rimaste ferite e molte altre sono state arrestate dopo un blitz delle Idf nella zona in cui si sono registrati violenti scontri. Secondo alcuni media israeliani, come Channel 12, i militari israeliani hanno ucciso cinque "terroristi" nel campo profughi di Jenin dove è avvenuto uno scontro a fuoco.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Gaza, il futuro dei giovani intrappolati
Analogie tra nativi americani e palestinesi
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter