Grand Theft Auto 6, primo rinvio della data di uscita

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Nell'ultimo resoconto finanziario Take-Two Interactive, la società madre di Rockstar Games, ha apportato delle revisioni alle informazioni precedentemente fornite, alimentando speculazioni e aspettative riguardanti il lancio di Grand Theft Auto VI, uno dei lanci più attesi nel mondo dei videogiochi. Confermato per il 2025, GTA VI rimane avvolto nel mistero senza una data o un mese di rilascio ufficiale. Durante l'ultimo resoconto sugli utili, Take-Two aveva previsto entrate per 8 miliardi di dollari per l'anno fiscale 2025, che va da aprile 2024 a marzo 2025. Questa previsione di entrate straordinarie aveva suggerito che GTA VI potesse essere lanciato nei primi mesi del 2025, ipotizzando gennaio, febbraio o marzo come finestre di lancio possibili.  Tuttavia, l'informazione è stata recentemente corretta: la previsione degli 8 miliardi di dollari è stata ridotta a 7 miliardi. La revisione ha alimentato teorie che suggeriscono un possibile rinvio del lancio di GTA VI all'anno fiscale 2026, posticipandone il rilascio ad aprile 2025 o oltre. Sebbene questa teoria rimanga non confermata, un tale spostamento spiegherebbe la riduzione delle previsioni di entrate e suggerisce che Take-Two continuerà comunque a beneficiare di significativi introiti derivanti dai pre-ordini del gioco. Nel commentare lo stato di GTA VI, Strauss Zelnick, CEO di Take-Two, ha sottolineato l'impegno dell'azienda verso l'eccellenza: "Cerchiamo la perfezione. Quando riterremo di aver ottimizzato il prodotto, pianificheremo il rilascio".  —tecnologiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Troppo smog, l'Italia è impreparata
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter