Il 2022 in streaming, la nostra classifica

Sulle pagine del New York Times, il giornalista John Koblin ha scritto che «l’offerta infinita di nuovi programmi che ha contribuito a definire l’era dello streaming – generando nuove serie a un ritmo vertiginoso ma anche travolgendo gli spettatori con un quantitativo eccessivo di scelta – sembra finalmente rallentare». Si tratta di una lieve flessione nel mondo delle produzioni seriali dopo anni di inarrestabile crescendo. Una frenata non per forza negativa ma sicuramente storica: il numero di tv show previsti dai canali televisivi e dalle piattaforme americane è calato del 24% nella seconda parte del 2022, rispetto allo stesso periodo del 2021, e del 40% rispetto al 2019. Sono dati sensibili e probabilmente lontani dalla percezione del grande pubblico, sempre più inondato da frequenti novità sul panorama televisivo internazionale. Tra le migliori dell’ultimo anno abbiamo provato a sceglierne dieci.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

10. Mercoledì

Numero episodi: 8

Data di pubblicazione: dal 23 novembre 2022

Piattaforma/Canale: Netflix

Il genio di Tim Burton, il marchio storico della Famiglia Addams e una lettura ancora più teen del personaggio di Wednesday, qui interpretata da una giovanissima Jenna Ortega, fanno della serie omonima uno dei titoli più visti dell’anno (terzo a superare il miliardo di ore di visione su Netflix in un mese). Dinamica e corale, la serie spopola sui social grazie al quarto episodio, in cui la giovane Addams partecipa al ballo della Nevermore Academy e si scatena in una coreografia accattivante e coinvolgente. La “Wednesday Dance” conquista tutti, da Lady Gaga al mondo di Tik Tok. Da segnalare una straordinaria, e poco utilizzata, Catherine Zeta Jones. Una perla da vedere, prodotta da due che la tv sanno farla eccome: Alfred Gough e Miles Millar, creatori dell’indimenticabile Smallville.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

9. Dahmer

Numero episodi: 10

Data di pubblicazione: dal 21 settembre

Piattaforma/Canale: su Netflix

Solo nona nella nostra classifica, prima in quella dei meme. Perché sì, oggi vanno riconosciuti pure certi primati e di certo Dahmer –  miniserie di dieci episodi su uno dei serial killer più temuti d’America – vince sul piano della viralità. A dirigere le puntate troviamo diversi nomi, conosciuti o meno, tra i quali Carl Franklin, Clement Virgo, Jennifer Lynch (figlia di David Lynch), Paris Barclay e Gregg Araki. Gli episodi si strutturano su un arco temporale che va dagli anni ’60, in cui Dahmer è solo un bambino, fino agli anni ’90, intrecciando eventi attraverso i flashback forniti proprio dal protagonista. Un prodotto da attenzione che però non ci impedisce di tirare le orecchie a Netflix: se solo aveste puntato maggiormente su Mindhunter

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

8. Boris 4

Numero episodi: 8

Data di pubblicazione: dal 26 ottobre 2022

Piattaforma/Canale: su Disney+

Tra i titoli più attesi dell’anno, la quarta stagione di Boris non solo evita di deludere le aspettative ma rilancia un brand storico con alcune scelte illuminate, un tono di fondo identico alle prime stagioni ma un linguaggio diverso, segno dei nostri tempi. Il cast storico si ritrova alla perfezione in un’epoca più patinata e ancor più ipocrita, ma ancora caratterizzata da un cinismo di base identico a quello primordiale. Un piacevole tuffo nel passato per la generazione che ha vissuto la nascita della serie e un dono di qualità a chi non la conosceva.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

7. Christian

Numero episodi: 6

Data di pubblicazione: 28 gennaio

Piattaforma/Canale: su SKY Atlantic e in streaming su NOW TV

La prima serie italiana di questa top ten convince per originalità, struttura e qualità di scrittura. Per Edoardo Pesce è l’interpretazione dell’anno, così come pure per Silvia D’Amico (bravissima anche in A casa tutti bene di Gabriele Muccino). Christian è un picchiatore senza particolari ambizioni che si ritrova all’improvviso con le stimmate alle mani nel contesto di una cruda periferia romana. Il regista Stefano Lodovichi lo definisce “folkloristico”, un personaggio “che sta al confine” tra ordinario e straordinario. “Una persona normale” che all’improvviso scopre la capacità di compiere miracoli, costretto, dunque, a uscire da quella normalità in cui si era rifugiato.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

6. Stranger Things 4

Numero episodi: 9

Data di pubblicazione: dal 27 maggio la prima parte (7 episodi), dal 1 luglio la seconda parte (episodi 8 e 9)

Piattaforma/Canale: su Netflix

Probabilmente la serie più attesa dell’anno, la quarta stagione di Stranger Things abbatte da subito un timore: quello della ripetitività. Nonostante la crescita del marchio e soprattutto del suo cast (ormai adolescenti), la trama di questa storica serie continua a stupire per scrittura e stile pur mantenendo molti capisaldi originari della prima, inarrivabile stagione. L’antipasto perfetto dell’ultima, la quinta, in arrivo nei prossimi anni sempre su Netflix. End of an era.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

5. Andor

Numero episodi: 12

Data di pubblicazione: dal 21 settembre i primi tre episodi, poi uno a settimana

Piattaforma/Canale: su Disney+

Il difetto del binomio Star Wars-Disney sta tutto in due prodotti gestiti parzialmente al meglio: The Book of Boba Fett e Obi Wan Kenobi. Il primo è un “mapazzone” lontano dal vero stile Guerre Stellari e il secondo è uno spreco enorme a fronte delle gigantesche possibilità di scrittura. A rassicurare i fan c’è una serie di cui si è parlato meno ma che ha fatto davvero breccia nel cuore di una nicchia nerd che, alla fine, conta davvero: parliamo di Andor. La trama fa da antefatto alle vicende di Rogue One raccontando le origini di Cassian Andor, il ribelle senza scrupoli ma con un cuore non da poco. È una serie che arriva tardi ma lo fa con eleganza e senza scorciatoie, evitando occhiolini facili e puntando sulle coste giuste al momento giusto. Una storia che, se non ci fossero i costumi di Star Wars, difficilmente sarebbe ricollegabile a quell’universo. Basta questo per tuffarcisi subito.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

4. Scissione

Numero episodi: 9

Data di pubblicazione: dal 18 febbraio, appuntamento settimanale

Piattaforma/Canale: su AppleTV+

La serie è terrorizzante già dalla premessa. La Lumon è una misteriosa azienda che al momento dell’assunzione effettua sui dipendenti un’operazione chirurgica tramite cui inserisce nei loro cervelli un microchip. Da quell’attimo i ricordi di ciò che succede in ufficio restano in ufficio, e i ricordi della vita privata restano solo nella vita privata. La scissione del titolo è questa: quando il lavoratore entra in ufficio si dimentica completamente di chi è, cosa fa e chi conosce nella vita privata; poi, a fine giornata, entrano in ascensore et voilà, non ricordano nulla di quanto fatto in ufficio e ricordano tutto del resto. Basta lo spunto della trama per inserirla di diritto a un passo dal nostro podio. Il resto scopritelo voi.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

3. House of the Dragon

Numero episodi: 10

Data di pubblicazione: dal 22 agosto, un episodio a settimana

Piattaforma/Canale: su Sky Atlantic e in streaming su NowTv

Per riscattare il finale (triste, a detta di molti) di Game of Thrones serviva una serie basata sullo stesso universo ma capace di risvegliare le passioni di un’intera fan base ancora affamata. “House of the Dragon” riesce a regalarci una visione più accurata e storica della casata dei Targaryen restando clamorosamente fedele ai libri e per di più alimentando nuova suspense sul prosieguo della storia. Alcune scene sono già iconiche e, su tutti, colpisce l’interpretazione pazzesca di Paddy Considine nei panni di Viserys I. Dulcis in fundo: i draghi sono persino più fichi di quelli visti nel Trono di Spade. Un particolare non da poco.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

2. The Bad Guy

Numero episodi: 6

Data di pubblicazione: dall’8 dicembre 2022, tre episodi a settimana

Piattaforma/Canale: Amazon Prime

La sorpresa dell’anno. Protagonista Nino Scotellaro, pm siciliano che ha dedicato la vita alla lotta contro la mafia ma improvvisamente viene accusato di essere uno di loro. Ma questa non è una storia di mafia, né di antimafia; è la storia di un uomo che, spezzato nell’anima, decide di risollevarsi. E non per fare la cosa giusta, ma per trovare la sua pace assoluta. Con quest’ultima, illuminata produzione, i registi Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi (aiutati in fase di scrittura da Ludovica Rampoldi e Davide Serino) si confermano tra le voci più interessanti del panorama cinematografico (e ora anche seriale) italiano e raramente è capitato di desiderare tanto l’arrivo immediato di una seconda stagione.

Il 2022 in streaming, la nostra classifica

1. Better Call Saul

Numero episodi: 13

Data di pubblicazione: prima parte dal 19 aprile, seconda parte dall’11 luglio, sempre con appuntamento settimanale

Piattaforma/Canale: su Netflix

Come scritto su queste pagine qualche mese fa a colpire di Better Call Saul non è il cosa, ma il come. L’ultima, clamorosa stagione della serie ideata da Vince Gilligan e Peter Gould non è una pedalata a vuoto anzi, è un incessante cammino nel mondo della sceneggiatura studiata nei minimi particolari. Il ciclo di una puntata si esaurisce coerentemente lasciando intendere un disegno più ampio ma  imprevedibile. Non v’è esca o cliffhanger che appaiano superficiali o buttati lì: l’opera è un insieme di mattoncini posati al millimetro l’uno sopra gli altri senza il sostegno di cemento armato. Va tutto così bene a incastro che lo scorrere degli eventi, tanto irregolare ma realistico, sembra identico alla vita reale. Merita il primo posto e pure qualche premio. Sicuramente ha meritato l’immortalità alla pari della sua serie madre: Breaking Bad. Chi l’avrebbe mai detto?

Per acquistare l'ultimo numero della nostra rivista clicca qui:

Mai più

Tra guerre, bombe e nucleare Piero Pelù torna con Deserti e grida al mondo: “Mai più!”. Nell’intervista realizzata da Dario Morciano andiamo in viaggio con il rocker toscano, che si è ripreso la scena con un disco potentemente rock in cui denuncia le barbarie del presente, contraddistinto da conflitti mondiali e una disinformazione sempre crescente. Alessandro Di Battista parla del pericolo di un’escalation nucleare, un rischio altissimo e che ha superato quello vissuto nel corso della “crisi dei Caraibi”. All’interno Tutt’altra politica, Line-up, Un Podcast per capello, Ultima fila e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Paolo Di Falco, Alessandro De Dilectis, Riccardo Cotumaccio, Marta Zelioli e Cesare Paris. Copertina a cura de “I Buoni Motivi”.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Oppenheimer in Giappone ha fatto discutere
L'incredibile storia della guerra degli emù
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter