Il martirio di Assange continua

La libertà del fondatore di WikiLeaks è l’unica arma che abbiamo per contrastare chi sta costruendo passo dopo passo la Terza guerra mondiale

Conobbi Julian Assange nel novembre del 2013. Lo incontrai all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dove si era rifugiato alcuni mesi prima per sfuggire a una richiesta di arresto per stupro (reato che non ha mai commesso) ma soprattutto per difendere la sua libertà e il suo lavoro. Sapeva perfettamente che, una volta estradato in Svezia, per via di quelle false accuse costruite ad arte per far dimenticare alla pubblica opinione mondiale quel che ci aveva permesso di capire, l’estradizione verso gli USA sarebbe stata una formalità. Quando chiese asilo politico all’Ecuador, Assange aveva bisogno soprattutto di una cosa: il tempo. Aveva materiale infinito da pubblicare.

Il prigioniero del secolo, Julian Assange continua la sua battaglia contro i poteri forti
Stella Moris, moglie di Julian Assange – (foto LaPresse) ilMillimetro.it

Aveva in mano notizie compromettenti, informazioni su crimini commessi dal blocco occidentale, segreti che avevano a che fare con il potere politico-militare, ovvero con quel mondo demoniaco che si arricchisce grazie alle guerre. Quel giorno Assange aveva un bell’aspetto, era entusiasta, si sentiva parte integrante di una missione, quella di rendere centinaia di milioni di cittadini più indipendenti intellettualmente. Quando lo incontrai, WikiLeaks – l’organizzazione giornalistica da lui fondata il 4 ottobre del 2006 – aveva già realizzato scoop sensazionali. Collateral Murder (“Omicidio collaterale”), il video della carneficina di civili iracheni uccisi da un elicottero d’assalto Apache, aveva fatto il giro del mondo.

[PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA QUI SOTTO]

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Il prigioniero del secolo

La libertà di Assange, fondatore di WikiLeaks, è l’unica arma che abbiamo per contrastare chi sta costruendo passo dopo passo la Terza guerra mondiale. Ad affrontare il tema è Alessandro Di Battista, collaboratore de il Millimetro e tra i massimi esperti dell’argomento, oltre a essere protagonista di un fortunato tour teatrale incentrato sul giornalista australiano. Greta Cristini analizza geopoliticamente le origini dell’attentato terroristico islamista in Russia e i possibili scenari. All’interno anche L’angolo del solipsista, Vita da Cronista, Line-up, Pop Corn, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Andrea Pamparana, Alessandro De Dilectis, Simone Spoladori, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Si aggiunge inoltre Tutt’altra politica di Paolo Di Falco. Copertina a cura de “I Buoni Motivi”.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Un racconto comico sul percorso di una banconota
Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter