Ilaria Salis, il legale: “Valutiamo ricorso a Corte europea dei diritti dell’uomo”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – ''Oggi ho incontrato Ilaria, l'ho trovata meglio di lunedì, era più rilassata, non aveva il carico di emozioni che gli dava dopo 12 mesi rivedere i suoi amici, genitori e avvocati tutti in aula per lei: è stato emotivamente molto impegnativo, oggi invece era più rilassata e stava meglio. Siamo moderatamente ottimisti". Lo afferma all’Adnkronos Roberto Salis, padre di Ilaria, la 39enne milanese da quasi un anno detenuta a Budapest. "Il nostro legale ha presentato più volte in passato la richiesta per i domiciliari ma è stata sempre rigettata – aggiunge – Per ripresentarla è necessario che ci sia uno scenario diverso". ''Stiamo valutando di presentare un ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo per violazione del divieto di 'trattamenti inumani e degradanti'", riferisce all’Adnkronos l'avvocato Eugenio Losco, uno dei legali che assiste Ilaria Salis.  In riferimento al gazebo della Lega assaltato nel 2017 a Monza, il legale spiega: "E' stata assolta per non aver commesso il fatto, come aveva chiesto anche il pm. Ilaria aveva partecipato al corteo ma quell'azione fu compiuta da altre persone’". Dopo l'esposizione mediatica del caso della connazionale detenuta in Ungheria, "ora ci sono contatti e speriamo che vadano avanti", conclude il legale.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

L'unica vera guerra è quella contro la bomba atomica
Piero Pelù e la sua battaglia contro bomba atomica
Francia alla ricerca di una sua identità
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter