In Italia obesità uccide 4 volte più di incidenti d’auto, allarme esperti

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – In Italia obesità in aumento esponenziale e sempre più 'killer', con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d’auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. In questo scenario, dunque, i fattori di rischio legati alla dieta sono i principali responsabili della perdita di anni di vita libera da malattia a livello globale. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana (Sinu) per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull’uomo che sul pianeta. Tra queste la dieta mediterranea, basata proprio su un largo consumo di alimenti vegetali, tra cui frutta, verdura e cereali integrali ed un moderato consumo di alimenti di origine animale.  Un regime alimentare a base vegetale – ricordano i nutrizionisti – non solo consentirebbe di prevenire l’insorgenza delle malattie legate all’alimentazione, ma anche di dimezzare le emissioni di gas serra nell’atmosfera legate alla produzione e al consumo di cibo, che, contribuendo al riscaldamento globale, hanno a loro volta effetti deleteri sulla salute umana. Monitorare l'impatto degli alimenti, tenendo conto di tutti gli indicatori ambientali – sottolineano – consente, inoltre, di individuare le criticità correlate alla loro produzione ed applicare azioni di mitigazione che ne migliorino le prestazioni ambientali.  Per promuovere scelte più sane e sostenibili – proseguono gli esperti Sinu – anche il consumatore finale deve essere istruito attraverso strategie di educazione, di facilitazione delle scelte, di incentivi e di restrizione dell’offerta, volti a limitare lo spreco alimentare. È importante, ad esempio – avvertono – educare a leggere correttamente le date di scadenza. Molto spesso il cibo viene buttato perché non è chiara la differenza tra data di scadenza e termine minimo di conservazione (Tmc), e più di un terzo degli italiani, infatti non sa che un alimento oltre il Tmc è ancora consumabile, senza implicazioni sulla salute. Le tematiche di sostenibilità ambientale sono state approfondite in un convegno degli esperti under 40 della Sinu, a Milano, che ha anticipato alcuni dei temi che saranno approfonditi in occasione del prossimo congresso nazionale della società scientifica, a Piacenza dal 4 al 6 giugno. —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

La guida agli Europei 2024
L'unica vera guerra è quella contro la bomba atomica
Piero Pelù e la sua battaglia contro bomba atomica
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter