Israele e la lunga battaglia a Gaza, guerra ancora per “molti mesi”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – La guerra di Israele a Gaza contro Hamas? "Sarà una lunga battaglia", al momento ancora lontana dal concludersi. Ad assicurarlo è il primo ministro Benjamin Netanyahu. Le parole del premier sono arrivate dopo aver ribadito, spiega la Cnn, l'impegno dello Stato Ebraico nello sforzo bellico, affermando che l'esercito sta "intensificando" le operazioni all'interno della Striscia. A fare il punto nella giornata di oggi, anche il capo delle forze armate israeliane, il generale Herzi Halevi, che ha spiegato come le operazioni nel sud e nel centro di Gaza si stanno allargando mentre si è vicini allo smantellamento dei battaglioni di Hamas nella parte settentrionale della Striscia. Ma, ha avvisato il generale, la guerra durerà ancora "molti altri mesi". "Ho appena lasciato la Striscia di Gaza – ha detto ancora in una conferenza stampa nel sud di Israele -, ho incontrato le truppe nel nord della Striscia. Sono rimasto colpito dal modo in cui le nostre forze stanno combattendo, lavorando e raggiungendo gli obiettivi che avevamo fissato. L'Idf è vicino a completare lo smantellamento dei battaglioni di Hamas nel nord di Gaza". “Abbiamo eliminato molti terroristi e comandanti, alcuni di loro si sono arresi alle nostre forze ed abbiamo preso centinaia di prigionieri – ha aggiunto -, abbiamo distrutto molte infrastrutture sotterranee e armi". Ma, ha sostenuto, "in questa area densamente urbana, dove i terroristi sono vestiti come civili, non si può dire che li abbiamo uccisi tutti".  "Probabilmente incontreremo altri combattenti di Hamas in questa area e continueremo ad attaccarli in vari modi", ha continuato parlando del nord, sottolineando che ora "stiamo concentrando la nostra offensiva nel sud di Gaza a Khan Younis, i campi nel centro della Striscia". "Non permetteremo un ritorno alla situazione di sicurezza prima del 7 ottobre, e non permetteremo che una cosa del genere si ripeta", ha detto ancora riferendosi agli attacchi di Hamas. Il ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, ha intanto affermato che il Paese sta combattendo "una guerra su vari fronti", affermando che "viene attaccato da sette fronti diversi", specificando che si tratta di "Gaza, Líbano, Siria, Cisgiordania, Irak, Yemen e Iran". Il ministro ha sottolineato che l'esercito israeliano "ha già risposto ed agito su sei di questi fronti". "Lo voglio dire nel modo più chiaro possibile – ha aggiunto – chiunque agisca contro i nostri è un potenziale obiettivo, non c'è immunità per nessuno". La parole di Gallant arrivano dopo la morte di un alto esponente della Guardia Rivoluzionaria iraniana rimasto ucciso in quello che viene considerato un raid israeliano a Damasco, per il quale Teheran ha promesso di vendicarsi. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Trump sfida Harris, Biden si ritira, e il mondo trema
Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
Usa, Biden si ritira: sale Kamala Harris
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter