“Israele è malato, dovrebbero essere tutti in manicomio”, comizio choc a Milano – Video

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – "Israele è malato, gli israeliani sono malati, dovrebbero essere tutti in manicomio”. E' bufera su un comizio pro Gaza che si è svolto ieri a Milano, avvenuto in contemporanea con la manifestazione contro la violenza sulle donne. Sui suoi profili social il ministro e vicepremier Matteo Salvini ha postato un video in cui si vede una ragazza, con il volto coperto dalla kefiah e sotto la quale si scorge il velo, che usa espressioni offensive nei confronti di Israele e degli ostaggi liberati da Hamas. “Usare la piazza che si riunisce contro la violenza sulle donne per insultare il popolo israeliano. Che vergogna”, scrive Salvini. "Oggi sono molto contenta, perché pensavano di poter prendere gli ostaggi con la forza. E invece hanno fatto quello volevano i palestinesi. Hanno dovuto fermare i bombardamenti, le uccisioni e i massacri per avere i loro prigionieri di guerra", dice la ragazza al microfono. Che poi aggiunge: "Non offendetevi. Rispetto tutte le età, ma li avete visti i giovani palestinesi? E poi li avete visti i loro prigionieri? Sembrava avessero liberato una casa di riposo. Però, tanto di cappello che sono riusciti a mantenerli in salute: non è semplice mantenere in vita un 90enne e un 18enne. Ieri sono usciti i nostri ragazzi, giovani con una forza enorme e quando li senti parlare capisci perché li hanno imprigionati: Israele ha paura".   —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Il giornalista di WikiLeaks a processo per l'estradizione negli Stati Uniti
Muore il presidente dell'Iran Ebrahim Raisi
Il Canada restituisce 200 isole agli indigeni
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter