Israele limita accesso a Spianata moschee, Hamas invita a mobilitazione

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Hamas ha respinto quella che ha definito una "decisione criminale'' da parte di Israele di ''limitare l'accesso dei palestinesi nella moschea di Al-Aqsa durante il Ramadan''. La chiusura della Spianata delle Moschee ai palestinesi promuove, sostiene Hamas in un comunicato, ''la criminalità sionista e la guerra religiosa condotta dal gruppo di coloni estremisti del governo di occupazione terroristico contro il nostro popolo palestinese e la violazione della libertà di culto nella benedetta Al-Aqsa Moschea''. Per questo, Hamas chiede ''al nostro popolo palestinese nei Territori occupati, ad Al-Quds (Gerusalemme, ndr) e nella Cisgiordania occupata, di respingere questa decisione criminale, di resistere all'arroganza dell'occupazione'' e di ''mobilitarsi, recarsi e stazionare nella benedetta Moschea di Al-Aqsa''. Inoltre Hamas avverte Israele che ''qualsiasi danno alla Moschea di Al-Aqsa o alla libertà di culto in essa contenuta non passerà senza conseguenze'' e annuncia una ''benedetta intifada ed esplosione di fronte all’ingiustizia, all’arroganza e all’aggressione''. Almeno 70 civili palestinesi sono morti in seguito ai raid aerei condotti nella notte nel centro della Striscia di Gaza. Lo scrive l'agenzia di stampa Wafa spiegando che decine di altre persone, in maggioranza donne e bambini, sono rimaste ferite. La Wafa precisa che a essere colpiti sono in particolare il campo profughi di Nuseirat, la zona di Zuwaida e la città di Deir al-Balah. Gli ultimi attacchi israeliani hanno anche causato la morte di 16 persone nella città di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza, mentre altri cinque palestinesi sono stati uccisi nel nord dell'enclave palestinese. E oggi si apre all'Aia la prima udienza della Corte internazionale di giustizia (Cig) per fare luce sulla politica israeliana in Cisgiordania e nei Territori palestinesi occupati. I primi a testimoniare saranno proprio i palestinesi e in particolare il ministro degli Esteri dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Riyad al-Maliki. All'udienza, che durerà una settimana, parteciperanno 52 Stati e tre organizzazioni internazionali. Il mese scorso la Cig aveva chiesto a Israele di prevenire il genocidio nella Striscia di Gaza e di fare tutto quanto era nelle sue possibilità per proteggere i civili palestinesi. Era stata l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, nel dicembre del 2022, a chiedere alla più alta Corte dell'Onu un parere consultivo e non vincolante sulle conseguenze legali delle azioni di Israele nei confronti dei palestinesi nei territori occupati La richiesta era quindi arrivata prima dagli attacchi del 7 ottobre da parte di Hamas contro Israele e della successiva rappresaglia sulla Striscia di Gaza. Israele ha preso il controllo della Cisgiordania e di Gerusalemme Est nel 1967. Oggi in quei territori vivono circa 700mila coloni israeliani e tre milioni di palestinesi. I palestinesi rivendicano i territori per uno stato indipendente con Gerusalemme Est come capitale. Sirene d'allarme sono suonate questa mattina nelle comunità israeliane al confine con la Striscia di Gaza. E' la prima volta che accade in diverse settimane. Lo riporta il Times of Israel spiegando che le sirene sono suonate a Ein HaShlosha, Nirim e Nir Oz. Al momento non si hanno notizie di danni o di feriti.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

L'unica vera guerra è quella contro la bomba atomica
Piero Pelù e la sua battaglia contro bomba atomica
Francia alla ricerca di una sua identità
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter