Kamila Valieva squalificata per doping, ira Russia: “Decisione politicizzata”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – "Una decisione politicizzata". Così Mosca definisce la squalifica della pattinatrice russa Kamila Valieva per 4 anni per doping. "Dal mio punto di vista, ovviamente, la decisione della Corte Arbitrale dello Sport è politicizzata", ha detto Dmitry Peskov, il portavoce di Putin. I fatti risalgono alle Olimpiadi invernali di Pechino del 2022. All'epoca quindicenne, Valieva ha aiutato la Russia a vincere l'oro a squadre diventando la prima pattinatrice a eseguire un salto quadruplo in una competizione olimpica. Ma la premiazione non ha mai avuto luogo poiché subito dopo è emerso che era risultata positiva alla sostanza vietata trimetazidina, un farmaco usato per curare l'angina. A sua difesa, Valieva ha accusato la "contaminazione da posate" condivisa con suo nonno, che è stato trattato con trimetazidina dopo aver ricevuto un cuore artificiale. Il caso ha fatto scalpore ai Giochi di Pechino dove una giuria ad hoc del Tas le aveva permesso di continuare a gareggiare nella gara individuale nonostante la positività al test. Valieva era in testa dopo il programma corto, ma poi il programma successivo con diversi errori l'ha vista scendere al quarto posto. Valieva è stata successivamente assolta da un tribunale antidoping russo, ma la sentenza è stata contestata dall'Agenzia mondiale antidoping (Wada) e dall'Isu, l'ente di pattinaggio, che hanno chiesto al Tas di imporre una squalifica di quattro anni e una squalifica da tutti gli eventi dopo la positività. Ciò è stato concesso dal Tas dopo un lungo processo, con Valieva squalificata dal 25 dicembre 2021, per quattro anni.  
L'oro dell'evento a squadre è quindi stato assegnato agli Stati Uniti, che originariamente erano arrivati secondi, davanti a Giappone e Canada. Il Comitato Olimpico Internazionale ha infatti accolto con favore la decisione della Corte. Gli atleti coinvolti nella competizione alle Olimpiadi di Pechino 2022 potrebbero ora "ricevere le medaglie che stavano aspettando da tanto tempo", ha detto alla dpa un portavoce del Cio. "Siamo solidali con gli atleti che hanno dovuto aspettare due anni per i risultati finali della loro competizione", ha detto il portavoce. Valieva non gareggia a livello internazionale dai Giochi di Pechino, con i pattinatori russi banditi dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte del Paese, pochi giorni dopo la cerimonia di chiusura nel febbraio 2022. La sua squalifica durerà fino a dicembre 2025, poche settimane prima delle prossime Olimpiadi invernali di Milano/Cortina d'Ampezzo, in Italia. Valieva e il suo team hanno il diritto di ricorrere in appello contro la sentenza del Tas presso la Corte suprema svizzera, ma solo per motivi procedurali.  Oleg Matytsin, l’attuale ministro dello Sport russo, ha esortato l’International Skating Union a rimanere indipendente e imparziale nel suo processo decisionale. Ha sottolineato l'impegno della Russia nella lotta al doping, mettendo in guardia contro il trattamento parziale degli atleti. L'ex ministro dello sport russo Pavel Kolobkov ha lamentato la severità del verdetto, definendolo "eccessivo" in relazione all'età di Valieva. Lui ha sottolineato la rarità delle violazioni del doping nel pattinaggio artistico e ha sollecitato un attento esame delle argomentazioni presentate dalla parte russa.  L'Agenzia russa antidoping ha criticato la sanzione del Tas, affermando che supera le misure proposte durante il processo di appello. In una dichiarazione, il Comitato Olimpico Russo ha sottolineato che i risultati delle competizioni a squadre ai Giochi Olimpici Invernali del 2022 non dovrebbero rimanere influenzati dal caso Valieva. La Roc si è impegnata ad adottare misure legali adeguate per proteggere gli interessi russi. —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

L'unica vera guerra è quella contro la bomba atomica
Piero Pelù e la sua battaglia contro bomba atomica
Francia alla ricerca di una sua identità
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter