La guerra intelligente non c’è ancora

La militarizzazione dell’intelligenza artificiale cambia il futuro della guerra. La corsa all’egemonia dell’algoritmo è aperta. Ma scordatevi “Io, Robot”

Siamo all’alba di una nuova era della guerra. Il conflitto in Ucraina ha dimostrato che la sua natura sta cambiando grazie all’intelligenza artificiale (AI), come la polvere da sparo, i carri armati, l’aviazione e la bomba atomica hanno fatto nelle epoche precedenti. Sebbene il suo impiego ancora massiccio abbia stupito l’opinione pubblica mondiale, non è più il tank la tecnologia bellica che determina l’esito di una guerra. Piuttosto, quella in Ucraina è senz’altro la prima guerra di droni su larga scala, che però, tuttavia, non è immediatamente una guerra di intelligenza artificiale. Piuttosto, un laboratorio in cui si sta forgiando il prossimo carattere della guerra.

L'algoritmo avanza e presto la tecnologia potrebbe entrare nelle battaglie
L’intelligenza artificiale entra in guerra? – ilMillimetro.it

Sciami di droni kamikaze, sistemi di puntamento automatico, missili Javelin: tutte armi super intelligenti che stanno rimodellando il campo di battaglia e creandone di nuovi. L’uso più diffuso dell’AI in Ucraina è quello dell’intelligence geospaziale: le cosiddette “reti neurali” hanno aiutato ad analizzare e combinare foto da terra, filmati di droni, immagini satellitari e dei social media per individuare le posizioni dell’artiglieria russa. Una tendenza rafforzata dalla convergenza fra la disponibilità crescente di satelliti in orbita bassa e l’altrettanta disponibilità senza precedenti di big data da fonti aperte. Ma in due anni di conflitto abbiamo visto anche droni sottomarini che danno la caccia alle mine. Oppure la valutazione dei danni di battaglia nelle aree colpite dalla guerra condotta con l’analisi di enormi quantità di immagini e la rilevazione di oggetti e movimenti.

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Mercenari

Vantaggi economici, possibilità di cambiare vita, ideologie e odio per l’Occidente: cosa c’è alla base degli arruolamenti volontari dei foreign fighters. Luca Steinmann, collaboratore de il Millimetro, affronta il tema con il suo reportage realizzato direttamente nel Donbass. Greta Cristini ci parla della cosiddetta “guerra intelligente” che al momento non c’è ancora. Alessandro Di Battista affronta l’argomento della “privatizzazione” portata avanti dal Governo Meloni. All’interno anche L’angolo del solipsista, Vita da Cronista, Line-up, Pop Corn, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Andrea Pamparana, Alessandro De Dilectis, Simone Spoladori, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Splendido disegno di copertina di Paolo Niutta.
Il diciassettesimo numero de il Millimetro vi aspetta.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

La propaganda di Israele
Il primo ministro italiano tra guerra e menzogne
Lo scrittore censurato dalla tv pubblica per un monologo sul 25 aprile
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter