L’anno geopolitico che verrà

Americani, cinesi e russi provano con fatica a riorganizzare il mondo. E per noi il tempo della beata irresponsabilità è scaduto

Il 2024 vedrà continuare la transizione egemonica in corso. Con questo termine si intende la crisi del cosiddetto “ordine internazionale basato sulle regole” che gli Stati Uniti guidano a intensità variabile a partire dalla fine della Guerra fredda. È la pax americana, fondata su una serie di categorie di supremazia ben precise che, più o meno consapevolmente, condiscono le nostre vite di attore satellite e parte integrante della sfera di influenza a stelle e strisce. Almeno fino a ora. Primo: il primato militare e la correlata dipendenza europea in termini di sicurezza e difesa.

Svolte geopolitiche all'orizzonte
L’anno geopolitico che verrà – (foto LaPresse) ilMillimetro.it

Secondo: la globalizzazione fondata sul controllo delle rotte marittime strategiche (ovvero il passaggio degli stretti) spacciata per libero mercato. Terzo: l’American way of life inteso come americanizzazione del mondo con lo slogan “libertà, democrazia e diritti umani” e declinato in musica, cinema, arte e letteratura così attraenti da sedurre anche gli avversari. Nella fase declinante dell’impero americano, quelli che finora erano assunti indiscutibili sono oggi rimessi in discussione.

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Salute mentale

Da Basaglia ai giorni nostri, il tema della salute mentale è quanto mai d’attualità. La cura di determinate malattie è un problema che, nonostante i passi avanti, continua a persistere. Marta Zelioli, collaboratrice de il Millimetro, analizza il modo in cui l’Italia si è approcciata nel tempo a questa tematica. Alessandro Di Battista ci parla di Gaza e di come i massacri aumentino quando si spengono le “luci dei riflettori”. Samuel dei Subsonica racconta in un’intervista esclusiva a Dario Morciano l’uscita del suo ultimo disco Realtà Aumentata. All’interno anche Metropolis, Vita da Cronista, Pop Corn, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Pablo Trincia, Andrea Pamparana, Simone Spoladori, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris, ma anche le due nuove L’angolo del solipsista e Line-up di Giacomo Ciarrapico e Alessandro De Dilectis. Il sedicesimo numero de il Millimetro vi aspetta.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

L'ambiente distrutto dalla zootecnica
L'algoritmo avanza e presto la tecnologia potrebbe entrare nelle battaglie
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter