L’Europa inerme, tutti gli scontri in atto

L’UE non è pronta al cambio di paradigma imposto dal nostro tempo. È nata per pensare alla pace, non per fare la guerra

A due anni dallo scoppio di un conflitto che, alle nostre latitudini, ha costretto al ribaltamento forzato della prospettiva d’interpretazione degli affari del mondo, l’Europa appare ancora un corpo etereo, sprovveduto di autocoscienza e autonomia strategica. Al di là dei buoni propositi sull’unità dell’Unione Europea di fronte agli sconvolgimenti internazionali e della retorica sul futuro ineluttabile e paradisiaco che ci aspetta non appena metteremo piede negli Stati Uniti d’Europa, le visioni, le percezioni, le narrazioni, i sentimenti e i desideri dei popoli europei restano ancora ben diversi, contraddittori, spesso confliggenti.

Europa inerme di fronte alle avversità
L’Europa è come immobile di fronte alle problematiche della nostra epoca – ilMillimetro.it

Al contrario, gli interessi nazionali restano solidi e si irrobustiscono quando alle viste sorgono minacce securitarie che attentano alla propria sopravvivenza o al proprio modo di vivere. Poco importa se restano striscianti per anni sotto l’egida delle istituzioni di Bruxelles o coperte dalla bandiera blu a 12 stelle. Prima o poi riemergono dirompenti.

L’Europa divisa

La guerra russo-ucraina in corso al confine orientale della NATO e dell’UE, sempre più insostenibile dal punto di vista militare e finanziario per le cancellerie del Vecchio Continente, ha palesato sensibilità opposte fra la cosiddetta Vecchia e Nuova Europa, ovvero i Paesi fondatori dell’Europa occidentale come Francia e Germania e quelli dell’Europa nord-orientale come i Baltici, Polonia e Regno Unito, che per ragioni storiche e geografiche percepiscono la Federazione Russa in maniera più o meno minacciosa.

L'Europa dovrebbe lottare per la pace, ma continua a fare la guerra
Analisi delle problematiche interne delle Nazioni Unite – ilMillimetro.it

Di più, sono emerse come protagoniste soprattutto nazioni come Polonia e Ungheria che conoscono bene il proprio interesse nazionale e dunque le relative priorità, e che sanno come difenderlo nelle trattative con gli altri partner o controparti. Facciamo qualche esempio.

[PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA QUI SOTTO]

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Europa divisa

Ancora disunita fra interessi e sensibilità nazionali forti, l’Unione Europea non è pronta al cambio di paradigma imposto dal nostro tempo. Greta Cristini, collaboratrice de il Millimetro, affronta il tema con il suo approfondimento, arricchito ulteriormente dal commento di Alessandro Di Battista. Il direttore Gianluca Cherubini scrive della recente morte di Alexei Navalny, il più grande oppositore di Putin. All’interno anche L’angolo del solipsista, Vita da Cronista, Line-up, Pop Corn, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Andrea Pamparana, Alessandro De Dilectis, Simone Spoladori, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Copertina a cura di Paolo Niutta.

Il diciottesimo numero de il Millimetro vi aspetta.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

La propaganda di Israele
Il primo ministro italiano tra guerra e menzogne
Lo scrittore censurato dalla tv pubblica per un monologo sul 25 aprile
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter