Droni e missili su Israele: l’Iran ha attaccato

L’offensiva è arrivata nella serata di sabato, ondate di droni e missili lanciati verso Israele (quasi tutti intercettati). Gli Usa: “Non sosterremo contrattacco”.

Uno sciame di droni e missili. Dall’Iran, lo Yemen, il Libano: Israele ne ha intercettati quasi il 99%, soltanto alcuni hanno colpito la base aerea di Nevatim. Attualmente è in pericolo di vita una bambina, ferita gravemente da una scheggia. È questo il primo bollettino della notte di guerra in Medio Oriente. Le esplosioni intorno alle due del mattino, Biden e Netanyahu costantemente al telefono, gli Stati Uniti non arretreranno di un centimetro: “Ho appena incontrato il mio team della sicurezza nazionale per un aggiornamento sugli attacchi dell’Iran contro Israele – ha spiegato nella notte il presidente americano – il nostro impegno contro le minacce provenienti dall’Iran e dai suoi alleati è incrollabile. Ma non sosterremo contrattacco”.

Centinaia di droni dall'Iran su Israele
Il 13 aprile l’Iran è passato dalle parole ai fatti, attaccando Israele con dei droni – ilMillimetro.it

In realtà gli Usa vorrebbero evitare a tutti i costi un conflitto diretto, la preoccupazione per una risposta significativa di Israele è tangibile. Intanto, Hezbollah ha rivendicato un altro lancio di “decine di razzi Katiuscia” su posizioni militari israeliane sulle alture del Golan, che Tel Aviv strappò alla Siria nella Guerra dei Sei Giorni del 1967. La milizia sciita libanese nelle ore precedenti aveva contribuito in maniera netta all’attacco iraniano con un frequente lancio di proiettili contro il Nord dello Stato ebraico.

Un attacco prevedibile e annunciato

Era nell’aria da giorni, fonti americane avevano avvisato Israele: “L’Iran potrebbe rispondere a quanto è accaduto a Damasco lo scorso 1 aprile, con il raid che ha portato alla morte dell’ufficiale Mohammad Reza Zahedi, e attaccare nelle prossime 24 ore”. Ne sono passate, forse, anche meno. Un’offensiva massiccia è arrivata nella tarda serata di sabato, oltre 400 droni e decine di missili balistici su obiettivi militari e governativi. Lo scenario è da brividi e il momento è drammatico, la guerra è entrata di nuovo nel vivo. Il presidente americano Biden (tornato d’urgenza a Washington) negli ultimi giorni aveva predicato calma: “Non fatelo, siamo impegnati nella difesa di Israele e l’Iran non avrà successo”.

Israele sotto attacco dell'Iran
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si è detto pronto a ogni genere di evenienza (LaPresse) – ilMillimetro

Puntuali anche le prime dichiarazioni di Netanyahu: “Cittadini, negli ultimi anni, e ancor più nelle ultime settimane, ci siamo preparati alla possibilità di un attacco diretto da parte dell’Iran. I nostri sistemi di difesa sono schierati e pronti a qualsiasi scenario, sia in difesa che in attacco. Lo Stato di Israele è forte, le Idf sono forti. Apprezziamo il fatto che l’America sia al fianco di Israele, così come il sostegno della Gran Bretagna, della Francia e di molti altri Paesi. Chiunque ci fa del male, noi lo colpiamo. Ci difenderemo da ogni minaccia con freddezza e determinazione”.

Gli Stati Uniti erano pronti da settimane

Gli Usa hanno adottato una serie di misure per far fronte a tutto ciò, trasferendo mezzi militari in Medio Oriente: tra questi c’è il cacciatorpediniere USS Carney, passato dal mar Mediterraneo orientale al mar Rosso, dove era impegnato a fronteggiare gli Houthi. Biden ha spedito in Israele anche il suo più importante generale: Michael E. Kurilla, con lo scopo di coordinare al meglio le manovre militari.

Nel frattempo, diversi Paesi hanno invitato i propri cittadini a non raggiungere Israele in questo periodo. Mentre il Dipartimento di Stato statunitense ha vietato al proprio personale diplomatico di Israele di uscire da Tel Aviv, Gerusalemme e Beersheba.

Per acquistare l'ultimo numero della nostra rivista clicca qui:

Nativi indesiderati

Nell’ultimo decennio il Venezuela ha vissuto una metamorfosi sostanziale: nel mezzo le vite di chi fugge, chi torna e chi non se n’è mai andato. Ad affrontare il tema è Martina Martelloni, collaboratrice de il Millimetro, che direttamente sul posto ha raccontato la situazione degli indigeni, anche attraverso un eccezionale reportage fotografico. Alessandro Di Battista analizza le contraddizioni del “libero e democratico” Occidente nel rapportarsi con le operazioni militari di Israele, le sanzioni che colpiscono solo la Russia e le solite immagini che i TG nazionali nascondono. All’interno L’angolo del solipsista, Tutt’altra politica, Line-up, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Paolo Di Falco, Alessandro De Dilectis, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Si aggiunge inoltre Ultima fila di Marta Zelioli. Copertina a cura de “I Buoni Motivi”.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Un racconto comico sul percorso di una banconota
Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter