L’ultima mossa di Biden: Assange libero

Il giornalista di WikiLeaks è stato liberato dal carcere di Belmarsh grazie a un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti

Libero, come non accadeva da 1901 giorni. Julian Assange ha lasciato il carcere di Belmarsh, gli è stata concessa la libertà su cauzione dall’Alta corte di Londra, si è subito imbarcato per l’Australia. Giorni di ansia, ore di attesa, il fondatore di WikiLeaks doveva superare l’ultimo scoglio (l’appello definitivo), vincere l’ennesima battaglia della sua vita. Un calvario infinito che finalmente sta per terminare, come spiegato dalla sua organizzazione in un comunicato su X: “Questo è il risultato di una campagna globale che ha coinvolto organizzatori di base, attivisti per la libertà di stampa, legislatori e leader di tutto lo spettro politico, fino alle Nazioni Unite. Ciò ha creato lo spazio per un lungo periodo di negoziati con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che ha portato a un accordo che non è stato ancora formalmente finalizzato.

Il volo che porta Assange in Australia
Il volo di Assange verso la libertà – (foto LaPresse) ilMillimetro.it

Assange, dopo più di cinque anni in una cella di 2×3 metri, isolato 23 ore al giorno, presto si riunirà alla moglie Stella Assange e ai loro figli, che hanno conosciuto il padre solo da dietro le sbarre”. Julian, con le sue inchieste, aveva attaccato i potenti, scoperchiato i segreti più nascosti, era riuscito a cambiare l’informazione mondiale. Poi lo hanno fatto tacere, rinchiuso per anni in un carcere di massima sicurezza, strappato ai suoi affetti più cari.

La mossa politica degli Stati Uniti

C’è l’ok degli USA sulla liberazione di Assange, un sospiro di sollievo anche per Joe Biden a ridosso delle presidenziali (in programma a novembre): erano migliaia, infatti, gli attivisti pronti a scagliarsi contro di lui qualora fosse avvenuta l’estradizione. Assange era perseguitato dalle autorità statunitensi per la pubblicazione di documenti militari riservati e forniti dall’ex analista dell’intelligence dell’esercito Chelsea Manning, nel 2010 e nel 2011. Negli ultimi anni ha affrontato 18 capi di imputazione in un atto d’accusa del 2019, che ha comportato un massimo di 175 anni di reclusione.

Assange patteggia con gli Usa e lascia il Regno Unito
Julian Assange è libero – (foto LaPresse) ilMillimetro.it

Una storia infinita che ha fatto il giro del mondo, ma negli ultimi mesi Biden aveva lasciato uno spiraglio di speranza: “Stiamo valutando se far cadere le accuse contro Assange, nulla è impossibile”. Una mossa strategica per prendersi quella fetta di elettori americani che per anni ha sostenuto il giornalista australiano, difendendolo con manifestazioni pubbliche e scioperi di ogni tipo. Insomma, per Trump la liberazione di Assange, avvenuta con il consenso dell’amministrazione Biden, non è di certo una buona notizia.

La forza della famiglia

Piange Assange, sono lacrime di gioia. Le stesse della famiglia, da sempre al suo fianco. Sono stati anni di una difficoltà estrema, nessuno glieli ridarà indietro, rimarrà per sempre la rabbia per quello che ha passato. Da ieri, però, qualcosa è cambiato, in Australia è tornato il sole negli occhi della madre Christine: “Sono grata che il calvario di mio figlio stia finalmente giungendo al termine, ciò dimostra l’importanza e il potere della diplomazia silenziosa. Molti hanno sfruttato la situazione di Julian per portare avanti i propri programmi, quindi, sono felice di abbracciare quelle persone invisibili e laboriose che hanno messo al primo posto il benessere di mio figlio. Gli ultimi 14 anni hanno messo a dura prova me come madre”.

Il coraggio della famiglia di Julian Assange
Stella Assange, moglie di Julian – (foto LaPresse) ilMillimetro.it

Nonostante la gioia, il rilascio di Assange è stato incerto fino alla fine, come raccontato dalla moglie Stella alla BBC Radio 4: “Le ultime 72 ore sono state intense, ma sinceramente è accaduta una cosa incredibile, non mi sembra neanche vero”. Il suo commento sull’accordo di principio con il Dipartimento di Giustizia statunitense rimane “limitato”, Julian dovrà dichiararsi colpevole di un solo capo di accusa, relativo alla legge sullo spionaggio. “Mio marito ora è un uomo libero? Appena arriverà l’accordo, firmato dal giudice delle Isole Marianne Settentrionali, sarà tutto vero”, ha concluso Stella Assange. Arriverà a breve, non passeranno più 1901 giorni.

Per acquistare l'ultimo numero della nostra rivista clicca qui:

La storia al contrario

Il terrorismo israeliano e lo “spazio vitale” nazional-sionista. Nell’articolo principale Alessandro Di Battista sottolinea come sia «triste constatare quanto i discendenti delle vittime dell’Olocausto stiano, giorno dopo giorno, assomigliando sempre più ai peggiori carnefici della Storia». Greta Cristini analizza geopoliticamente i possibili scenari, mentre Luca Steinmann e Valerio Nicolosi ci raccontano la vita in Libano e in Cisgiordania con i loro reportage. All’interno Line-up, Un Podcast per capello, Ultima fila e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Alessandro De Dilectis, Riccardo Cotumaccio, Marta Zelioli e Cesare Paris.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Il caffè alla base del capitalismo
Trump sfida Harris, Biden si ritira, e il mondo trema
Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter