Morto Kelvin Kiptum, il re della maratona ucciso in un incidente stradale

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) –
Morto in un incidente stradale Kelvin Kiptum, detentore del record mondiale di maratona. L'atleta 24enne, hanno riferito i media locali citando la polizia e la sua famiglia, era in macchina con il suo allenatore Gervais Hakizimana, morto anche lui nello scontro. I media hanno riferito che Kiptum era al volante quando l'auto è uscita fuori strada intorno alle 23:00 di domenica a Kaptaget, negli altopiani sud-occidentali del Kenya, una regione dove si allenano molti corridori di lunga distanza keniani. Secondo le prime indagini, Kiptum avrebbe perso il controllo e si sarebbe scontrato con un albero, ha detto al quotidiano Daily Nation il comandante della polizia locale Peter Mulinge. Una terza persona a bordo dell'auto, una donna, è rimasta gravemente ferita ed è stata portata in un vicino ospedale. Nell'incidente non sono rimasti coinvolti altri veicoli. "Siamo scioccati e profondamente addolorati nell'apprendere della devastante perdita di Kelvin Kiptum e del suo allenatore, Gervais Hakizimana", ha dichiarato il presidente di World Athletics Sebastian Coe, aggiungendo che Kiptum era "un atleta incredibile che ha lasciato un'eredità incredibile".  
Kiptum ha stabilito il record mondiale nella maratona di due ore e 35 secondi nella maratona di Chicago del 2023, battendo il record di Eliud Kipchoge di 34 secondi. È diventato la prima persona a correre ufficialmente la maratona in meno di due ore e un minuto. Kiptum avrebbe tentato di correre la prima maratona ufficiale sotto le due ore a Rotterdam nell'aprile di quest'anno. —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Troppo smog, l'Italia è impreparata
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter