Neuralink, chip nel cervello follia o futuro? Il parere dell’esperto

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – "E' un annuncio che fa ovviamente grande rumore per via del tweet di Elon Musk, ma in realtà", dietro al primo impianto in un essere umano di un chip di Neuralink, la compagnia del magnate che si occupa di interfacce cervello-computer, oltre al rumore c'è di più, spiega all'Adnkronos Salute Silvestro Micera, professore di Bioelettronica e Ingegneria neurale alla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e al Politecnico (Epfl) di Losanna, scienziato noto per il suo lavoro su braccia robotiche e protesi sempre più 'umane'. "Questa tecnologia – assicura, parlando dei chip di Neuralink – è molto interessante e molto robusta. Mi è stato chiesto: non è una fuga in avanti, una follia? Conosco il gruppo di bioingegneri che ci sta lavorando, alcuni di loro molto bene, e sono bravi, seri. E quello che vogliono fare e che stanno facendo è tecnologicamente interessante perché ha alcuni vantaggi molto importanti rispetto ai precedenti sistemi". "Utilizzare interfacce impiantabili nel cervello per leggere il pensiero, leggere informazioni dai neuroni e controllare dispositivi è una cosa che già hanno fatto vari gruppi nel passato. L'idea non è nuova – osserva – quello che è nuovo è la tecnologia. Il primo vantaggio è che ha un sistema per impiantare basato su un robot, che permette di impiantare degli elettrodi meno invasivi, dei fili, dei 'capelli' molto piccoli, in maniera veramente precisa. E, in aggiunta, il numero di elettrodi passa da un centinaio a molte migliaia e questo è molto interessante perché maggiore è il numero, maggiore è il campionamento del cervello e maggiori sono le informazioni che riusciamo a estrarre, maggiore è" teoricamente "la possibilità per il paziente di controllare più cose e meglio. Questo però si dovrà vedere, è una delle scommesse che bisognerà poi vedere se effettivamente si riesce a vincere". Nel dettaglio, come spiega l'azienda online, l'impianto creato da Neuralink registra l'attività neurale attraverso 1.024 elettrodi distribuiti su 64 fili altamente flessibili e ultrasottili.  "Ci sono degli aspetti differenti – ragiona Micera – Nei prossimi mesi vedremo se almeno inizialmente sembra essere vinta la scommessa Neuralink. Ma in generale ci sono molte tecnologie, è un momento molto fertile per le neurotecnologie e la neuroingegneria. Quindi è possibile che, non domani ma nei prossimi 5 o 10 anni, cominceranno a esserci sempre più sistemi commerciali in giro". Insomma, è una fase "di grande speranza, per i pazienti e anche per noi che ci occupiamo di queste attività. Bisognerà capire quante di queste speranze, speriamo molte, diventeranno realtà". C'è poi un altro elemento da considerare, per Micera: "L'arrivo di Neuralink ha dato una scossa molto forte e ulteriore al mercato. In qualche maniera l'arrivo di uno degli uomini più ricchi del mondo inevitabilmente da un lato catalizza attenzione per il settore e rende più facile magari acquisire fondi. Dall'altro lato, anche i competitor si sono svegliati ancora di più e hanno deciso di andare ancor più veloce. Almeno dall'esterno, la mia impressione è che si sia velocizzato ulteriormente lo sviluppo" in questo campo. Chi sono i principali competitor di Neuralink? "Ne citerei due in particolare – elenca – Uno sembra essere Blackrock Neurotech, la prima azienda a fare impianti in pazienti dal 2006, azienda storica che sembra aver avuto anche di recente un'accelerazione, e poi c'è un'altra realtà molto interessante, è australiana e si chiama Synchron, che ha un metodo innovativo di fare impianti nel cervello passando dal sistema vascolare, sicuramente meno invasivo poiché non ha bisogno di aprire il cervello".   Quello delle interfacce cervello-computer è un campo che, riflette l'esperto, "anche a noi interesserà sempre di più. Con Pietro Mortini", primario dell'Unità di Neurochirurgia e Radiochirurgia stereotassica all'Irccs ospedale San Raffaele di Milano, "abbiamo creato un laboratorio qualche mese fa proprio per potenziare tutta questa serie di attività, unendo l'aspetto ingegneristico del Sant'Anna alle potenzialità cliniche neurochirurgiche del San Raffaele. Abbiamo pazienti impiantati con elettrodi nel midollo spinale". E' finita per esempio alla ribalta delle cronache la storia di una 32enne con lesione midollare causata da un incidente sportivo, tornata a camminare con l'impianto del neurostimolatore midollare. "E l'obiettivo che ci siamo posti – prosegue il bioingegnere – è di ampliare la tipologia di pazienti e anche la tipologia di impianti. Immaginare dunque in futuro una collaborazione" con realtà come Neuralink e le altre citate "per fare impianti nel cervello di pazienti. Dal nostro punto di vista questo è molto interessante e il laboratorio col San Raffaele è stato proprio pensato per aiutarci a cogliere queste opportunità. Obiettivo: aiutare i pazienti". Quali potrebbero beneficiare in generale dei chip cerebrali di cui si parla in questi giorni? I primi per cui Neuralink è stata autorizzata sono persone con Sla o quadriplegie causate da lesioni del midollo spinale. "Sono pazienti con gravissime problematiche a livello di riduzione dei comandi volontari, quindi loro sono sicuramente i primi candidati. E in futuro – conclude Micera – quando la tecnologia sarà un po' più pronta, è possibile immaginare magari anche un'applicazione per l'ictus".  —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Oppenheimer in Giappone ha fatto discutere
L'incredibile storia della guerra degli emù
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter