Nomisma-Cirfood district, nutrizione è parte integrante della terapia

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – L’Italia è tra i Paesi con la popolazione più longeva al mondo: il 24% degli italiani ha, infatti, oltre 64 anni, dato in costante aumento. Un panorama inedito per il nostro Paese, cui il sistema deve rispondere con un approccio volto a migliorare gli stili di vita, stimolare una maggiore prevenzione e mettere a disposizione strumenti utili ad affrontare l’età silver. Oggi la silver economy, per il segmento over 65, genera in Italia un impatto sul Pil di 350 miliardi di euro e occupazione per 4,6 milioni di persone1. Un mercato importante e in crescita, considerate le tendenze in atto e in previsione che dovrà adattarsi ai bisogni di cura di ciascun individuo. Tra i servizi che concorrono al benessere della popolazione troviamo certamente la ristorazione ospedaliera e sociosanitaria, che rappresenta uno degli strumenti imprescindibili per migliorare la salute, promuovere una cultura dell’alimentazione sana e bilanciata e contribuire al wellbeing delle persone. La nutrizione è, infatti, parte integrante della cura, in particolare nel delicato contesto delle strutture ospedaliere e sociosanitarie. A dimostrarlo è la ricerca 'Ristorazione ospedaliera e sociosanitaria: nuovi scenari ed esigenze' condotta da Nomisma per l’osservatorio Cirfood district e presentata oggi nella cornice del Cirfood district di Reggio Emilia nel corso dell’evento 'Nutrire è cura. Idee e progetti per un nuovo approccio alla ristorazione ospedaliera e sociosanitaria'.  Dalla ricerca, svolta con metodologia Cawi su un campione di 161 responsabili di strutture sociosanitarie, emerge come il servizio di ristorazione ricopra un ruolo centrale nel percorso terapeutico dei pazienti per il 68% degli intervistati poiché garantisce qualità del pasto (65%), rende più piacevole la permanenza dei pazienti (51%), promuove salute e benessere tra i degenti (48%) e, soprattutto, li fa sentire meglio sia a livello fisico, sia psicologico (48%).  Nonostante tale riconosciuta centralità, sia in ottica di cura delle persone più fragili, sia in ottica di strumento di welfare per la società nel suo complesso, il settore della ristorazione ospedaliera e sociosanitaria ha sofferto delle conseguenze della pandemia prima, dei rincari dei costi delle materie prime e dell’energia dopo e tutt’ora fa i conti con gare di appalto e disposizioni legate alle offerte di servizio che non sempre riescono a tenere in considerazione il corretto equilibrio tra proposta, costi e sostenibilità.  “È imperativo che tutti gli attori coinvolti collaborino per dare vita a un approccio virtuoso in grado di conciliare le esigenze di tutte le parti, senza perdere di vista l’obiettivo primario della Ristorazione ospedaliera e sociosanitaria, ossia fornire un’adeguata nutrizione al paziente. A questo fine, auspichiamo la creazione di un sistema virtuoso che porti un sempre maggior beneficio ai degenti e alle degenti, all’azienda sanitaria e alle imprese che erogano il servizio di ristorazione. Per questo, abbiamo studiato proposte e soluzioni concrete”, ha commentato Alessio Bordone, sales executive director Cirfood.  A questo proposito, in occasione dell’evento, Cirfood ha presentato 'Less is more: il valore sostenibile della ristorazione ospedaliera', una proposta progettata all’interno del Cirfood District con il contributo del prof. Andrea Pezzana (medico specialista in scienza dell’alimentazione, direttore della struttura di nutrizione clinica dell’Asl Città di Torino), che tiene in considerazione tre declinazioni della sostenibilità: sociale (per il benessere delle persone), ambientale (per ridurre gli sprechi) ed economica.  Il sistema attuale, infatti, prevede una serie di modelli di servizio complessi e che implicano conseguenze in termini ambientali, di spreco ed economici, generati da un approccio nella stesura dei capitolati d’appalto che, in alcuni casi, non tiene totalmente in considerazione le esigenze degli utenti finali, creando quindi un disequilibrio sotto il profilo della sostenibilità a 360 gradi. La proposta di Cirfood, impresa leader in italia nel settore della ristorazione sociosanitaria, è stata dunque quella di ripensare il sistema della ristorazione ospedaliera attraverso un approccio che si concretizza con: il miglioramento della qualità del servizio (riducendo le alternative per una sempre migliore gradibilità del pasto), la semplificazione dell’offerta (nel rispetto delle rotazioni dei menu previste dalle Linee guida nazionali ed europee Espen), l’introduzione di un piatto completo serale (che consenta anche un maggior impiego di proteine vegetali) e la riduzione della quantità di scarti alimentari (servendo il giusto quantitativo di cibo, ben presentato, al fine di invogliare al consumo del pasto).  A tal proposito, Andrea Pezzana ha ricordato come la malnutrizione sia una patologia nella patologia, che va prevenuta usando anche la ristorazione ospedaliera per trattarla. In tal senso, vanno valutate le ricadute dell’alimentazione in termini di salute individuale e ambientale, analizzando il ruolo e le responsabilità della ristorazione collettiva e promuovendo, come avviene presso il Cirfood district, nuovi scenari smart per la ristorazione ospedaliera, che passano dalla semplificazione dei menu, ad approcci differenti in reparti differenti, alla conoscenza e gestione degli sprechi e degli scarti.  Durante l’evento, il dibattito si è, inoltre, soffermato sulla necessità di elaborare protocolli e progetti che riescano a rispondere alle esigenze dei pazienti più fragili e affetti da disfagia, una disfunzione che crea difficoltà nella deglutizione del cibo che rende complesso il momento dell’alimentazione. In questa direzione, CIrfood ha presentato un protocollo capace di creare le condizioni e le modalità idonee affinché i pazienti disfagici possano godere di un pasto sano, gustoso ed equilibrato durante la degenza.  Il protocollo, nello specifico, ha previsto la sperimentazione di oltre 100 ricette di piatti tradizionali e la successiva creazione di menu (coerenti con lo standard internazionale Iddsi legato alla consistenza dei cibi), capaci di conferire il giusto apporto nutrizionale e proteico, in linea con le disposizioni del Ministero della Salute, e di riproporre il gusto dei piatti della cucina tradizionale.  Come ha affermato Marco Domenicali, medico geriatra, professore associato di medicina interna università di Bologna, co-fondatore Mysurable, “La nutrizione è fondamentale in tutte le fasi della vita ma, nella terza età, riveste una particolare importanza; infatti, invecchiando la presenza di difficoltà nella masticazione, deglutizione e digestione causata da molte patologie croniche aumenta il rischio di malnutrizione che a sua volta peggiora la qualità della vita. Mantenere una nutrizione corretta e adeguata alle esigenze della singola persona non solo fa vivere più e meglio, ma riduce i costi della gestione delle patologie croniche ed il ricorso a farmaci e integratori. Investire sulla qualità del cibo permette di risparmiare ed al tempo stesso di aumentare la qualità della vita e dell'assistenza”.  A confermare la validità della soluzione ideata da Cirfood, l’analisi sul campo, che ha coinvolto per 2 mesi gli oltre 200 ospiti di tre strutture sociosanitarie: i risultati sono stati molto soddisfacenti e i pazienti coinvolti nel progetto hanno registrato un miglioramento nelle condizioni di sarcopenia e malnutrizione. A supportare Cirfood in questo studio sul campo Mysurable, azienda partecipata da AlmaCube S.r.l, l'incubatore dell'Università di Bologna, che sviluppa e gestisce soluzioni tecnologiche innovative per misurare lo stato funzionale degli individui legato all'avanzamento dell'età.  Hanno partecipato all’evento: Sabrina Belloi (responsabile qualità e sistemi produttivi Cirfood), Alessio Bordone (sales executive director Cirfood), Vincenzo Centola (direttore amministrativo Asst Nord Milano), Marco Domenicali (medico geriatra, professore associato di medicina interna università di Bologna, co-fondatore Mysurable SRL), Carlotta Galetti (senior key account healthcare Cirfood), Carlo Pedrolli (direttore ssd dietologia e nutrizione clinica ospedale Santa Chiara APSS Trento), Andrea Pezzana (medico specialista in scienza dell’alimentazione, dottore in psicologia clinica e di comunità, docente presso l’università di Torino, componente comitato scientifico Cirfood district), Simona Pioppi (coordinatrice del servizio Casa Residenza Tenente Marchi – Carpi), Stefano Reggiani (direttore generale ospedale Sassuolo), Mariuccia Rossini (presidente Silver Economy Network) e Silvia Zucconi (chief operating officer Nomisma) —lavorowebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Il giornalista di WikiLeaks a processo per l'estradizione negli Stati Uniti
Muore il presidente dell'Iran Ebrahim Raisi
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter