Nordio: “Su esternazioni magistrati valutiamo interventi legislativi”

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Interventi legislativi per mettere un freno alle esternazioni dei magistrati e silenzio sul caso Pozzolo perché "sono in corso indagini" e "mi inchino davanti al segreto istruttorio". Così il ministro della Giustizia Carlo Nordio, rispondendo oggi, 11 gennaio, al question time in Senato.  "Per quanto riguarda le esternazioni dei magistrati – ha detto Nordio rispondendo a una interrogazione di Forza Italia sull’utilizzo dei social network da parte dei magistrati – stiamo valutando anche interventi legislativi, perché hanno raggiunto un livello di intollerabile di denigrazione dell'intero corpo della magistratura".  "E' un minimo di buon senso – ha affermato il Guardasigilli – ribadire il concetto che un magistrato deve non solo essere ma anche apparire imparziale". In arrivo anche una stretta sulle intercettazioni attraverso i virus Trojan. "Il Trojan è un vulnus enorme alla nostra privacy e all'articolo 15 della costituzione", ha detto il ministro della Giustizia durante il question time.  "Ma non c'è solo quello, il cellulare non è più un documento, è una vita, contiene non solo le conversazioni con interlocutori ma anche di altri, trasmessi con il sistema dell'inoltro. Stiamo intervenendo su questo, sul trojan ma anche molto oltre. E' una situazione estremamente complessa e anche molto nuova. E' nelle priorità di questo governo", ha assicurato. Bocca cucita invece per quanto riguarda il caso del colpo di pistola partito a Capodanno dall'arma del deputato Emanuele Pozzolo. "Da ministro – ha affermato rispondendo all'interrogazione del leader di Iv Matteo Renzi – mi inchino davanti al segreto istruttorio, sono in corso indagini sarebbe improprio, se non delittuoso che io vi rivelassi delle cose, ammesso che le sapessi, ma non le so perché fortunatamente il segreto istruttorio è stato doverosamente tutelato".  "Nel momento in cui dovessero emergere da parte della magistratura ricostruzioni adeguate e obiettive sarei il primo a riferirle davanti a questo onorevole consesso. Noi ci inchiniamo davanti all'autonomia e alla tanto decantata indipendenza della magistratura", ha aggiunto.  Quanto alla presenza degli uomini della scorta al veglione, "esiste una forma di tutela esterna, che è quella che si occupa della garanzia del tutelato, per quanto riguarda gli ambienti circostanti; una volta che questa è stata assicurata – ha spiegato Nordio – esiste una tutela interna, perché se il tutelato rimane in un ambiente chiuso deve essere accompagnato da chi deve assicurarne la tutela, e quindi non vi è nulla di scandaloso se a una manifestazione conviviale partecipano anche le persone che devono tutelare chi partecipa a quella situazione conviviale".  Nordio ha poi espresso la sua solidarietà alla famiglia di Ilaria Salis, detenuta da 11 mesi in un carcere di massima sicurezza a Budapest. "Noi ci associamo alla preoccupazione e al dolore dal punto di vista umano del padre, che vede la figlia ristretta in carcere. Il governo italiano – ha affermato -, attraverso i suoi rappresentanti, ha fatto di tutto per mitigare questa situazione alla prima udienza davanti all'autorità giudiziaria, presentata anche da un funzionario dell'ambasciata che si è interfacciato con il legale della ragazza".  "Partecipiamo con grandissimo interesse, con grandissima attenzione al dolore dei familiari – ha ribadito Nordio – posso assicurare che faremo di tutto nel rispetto delle regole delle prerogative della giurisdizione nazionale e della giurisdizione internazionale per mitigare la situazione di questa persona e agire ripeto nei limiti del possibile per un affievolimento della sua situazione". Sugli accordi con altri Paesi per l'estradizione di detenuti "l'Italia non ha una buona reputazione per quanto riguarda il principio del pacta sunt servanda", ha ricordato Nordio. "Noi ricordiamo il caso di Silvia Baraldini, che fu estradata dagli Stati Uniti con la solenne promessa che avrebbe scontato in Italia la pena che era stata inflitta di oltre 40 anni: una volta arrivata in Italia fu accolta con tutti gli onori all'aeroporto e poi scontò la pena in modo molto parziale. Gli americani questo lo ricordano ed è questo che ostacola, non solo con loro, tutte le procedure che ogni volta noi cerchiamo di intrattenere anche a livello fiduciario, perché sotto questo profilo purtroppo a causa di esperienze precedenti la fiducia verso di noi riesce male", ha concluso il ministro.   —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

WikiLeaks, le origini
Salviamo l'orso dall'uomo
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter