Novità 2024: rimozione gratuita dell’amianto dai tetti delle imprese

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Presentato a Padova il servizio FV Cloud di GIFT, in occasione dell’evento organizzato dall’associazione Padova Europea sui modelli di riqualificazione delle zone industriali. Padova 21.11.2023 Arrivano buone notizie per le imprese che hanno ancora amianto sulle coperture dei propri capannoni. Dal 2024 sarà possibile rimuoverlo gratuitamente attraverso l’installazione, sempre gratuita, di un impianto fotovoltaico sul tetto. Niente incentivi da richiedere né finanziamenti: è sufficiente disporre di planimetrie, visura aziendale e bollette dell’ultimo anno per verificare la possibilità di vedere finalmente rimosso il nocivo amianto e allo stesso tempo realizzare un impianto fotovoltaico che generi energia pulita per oltre trent’anni. Vale la pena di ribadirlo: nel caso si fosse idonei l’azienda non pagherà nulla. Ecco come usufruire dell’opportunità, presentata ufficialmente nel corso di un convegno pubblico incentrato sui modelli di riqualificazione delle zone industriali, organizzato dall’associazione Padova Europea. GIFT, società che “regala” gli impianti fotovoltaici e sostituisce senza costo l’eternit, installa sul tetto dell’impresa un impianto fotovoltaico di sua proprietà attraverso il servizio FV Cloud. Questo impianto produrrà energia gratuita dal sole, consentendo all’impresa di risparmiare sulla bolletta migliaia di euro. Questo risparmio generato verrà riconosciuto dall’impresa a GIFT per 10 anni, per la sostituzione del tetto in amianto e per l’installazione dell’impianto fotovoltaico. Trascorsi i 10 anni l’azienda risulterà riqualificata, potendo contare su un impianto fotovoltaico che le verrà ceduto senza costi, in grado di generare energia pulita e di garantire pieno risparmio per almeno altri vent’anni. «Quando ci arriva la richiesta per l’FV Cloud chiediamo che ci vengano inviate anche le bollette con i consumi energetici tipici dell’anno, oltre alla visura camerale dell’azienda e alle planimetrie del tetto. A quel punto valutiamo la fattibilità tecnica e finanziaria dell’intervento e, se l’esito è positivo, il cliente riceve comunicazione e si proseguono gli approfondimenti con sopralluoghi, dando il via alla progettazione necessaria alla realizzazione dell’impianto fotovoltaico», spiega Riccardo
Grigolon di GIFT SRL. «I tempi? Impieghiamo circa una settimana per le valutazioni preliminari e in circa 30 giorni siamo in grado di procedere all’installazione dell’impianto fotovoltaico. Questo permette alle imprese di incominciare a risparmiare molto velocemente. Per chi ha il tetto in amianto bisogna aggiungere i tempi per le autorizzazioni e la sostituzione». Ma quanto si può risparmiare, in concreto? «Si pensi che normalmente un’azienda che conti su 1.000 metri di capannone, e consumi per un impianto da 100 kW, risparmia più di 120 mila euro per i primi dieci anni e oltre 700 mila euro per i venti anni successivi. E senza investire un euro», aggiunge Alessandro Salvalaio, Presidente del CdA di GIFT Srl. «Chi ha il tetto in amianto risparmierà magari qualcosa di meno, ma eliminerà gratuitamente un bel problema». Ufficio Digital Marketing e Communication Ambico 
marketing@ambicogroup.it
 —immediapress/economia-finanzawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

L'incredibile storia della guerra degli emù
Mai un rischio di un'escalation nucleare è stato così alto
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter