Nuovo codice dei contratti: la corretta interpretazione di articoli e allegati

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) –
Milano, 16/11/2023 – Com’è noto, il nuovo Codice dei contratti pubblici, la cui disciplina è contenuta nel D.lgs. n. 36/2023, attuativo dell’articolo 1 della Legge delega del 21 giugno 2022, n. 78, è entrato in vigore il 1° aprile 2023, ma le sue disposizioni hanno trovato applicazione a decorrere dal 1° luglio 2023. 
A differenza del D.lgs. n. 50/2016, il nuovo Codice sembrerebbe "auto-esecutivo", poiché i suoi 38 Allegati sostituiscono ogni altra fonte attuativa della previgente disciplina contenuta nel D.lgs. n. 50/2016, ossia: i suoi Allegati, le diciassette Linee Guida ANAC e circa quindici Regolamenti, tra cui il Regolamento di esecuzione ed attuazione del D.lgs. n. 163/2006, di cui al d.P.R. n. 207/2010. Tuttavia, oltre al periodo transitorio previsto fino al 31 dicembre 2023, che ha previsto l’estensione della vigenza di alcune disposizioni del D.lgs. n. 50/2016 e dei decreti “semplificazioni” (D.l. n. 76/2020) e “semplificazioni bis” (D.l. n. 77/2021), sono presenti alcuni rinvii alle disposizioni dell’abrogato d.P.R. n. 207/2010. 
In particolare, il comma 11 dell’art. 68 del nuovo Codice stabilisce che per quanto concerne la disciplina dei raggruppamenti temporanei e i consorzi ordinari si rinvia all’Allegato II. 12, rubricato “Sistema di qualificazione e requisiti per gli esecutori di lavori. Requisiti per la partecipazione alle procedure di affidamento dei servizi di ingegneria e architettura”, il quale all’art. 18, comma 18, reca la disciplina sui requisiti degli operatori economici rinviando – forse impropriamente – alle disposizioni contenute nell’abrogato d.P.R. n. 207 del 2010. 
Ciò che è certo è che tale rinvio deve essere letto in combinato disposto con l’art. 103 del nuovo Codice, il quale disciplina i requisiti aggiuntivi di partecipazione per le procedure di lavori di importo pari o superiore a 20 milioni di euro. 
In generale, sembrerebbe che l’Allegato II.12, in attesa del più generale regolamento previsto al comma 4 dell’art. 100 del Codice (che dovrà contenere anche l’innovativa disciplina della qualificazione degli operatori economici di forniture e servizi), riproduce in larga misura le norme del d.P.R. n. 207/2010. 
Come risulta evidente, la corretta interpretazione degli articoli e allegati contenuti all’interno del Nuovo Codice dei Contratti risulta spesso tutt’altro che immediata ed intuitiva. 
Sempre più aziende, di conseguenza, fanno riferimento a una serie di professionisti del settore in grado di effettuare una corretta lettura delle disposizioni, al fine di evitare multe e sanzioni e aumentare al tempo stesso le probabilità di partecipare con successo alle gare d’appalto. 
Da oltre 35 anni, Telemat è un partner affidabile per le imprese attive nel settore degli Appalti. Fin dal 1987, l’azienda fornisce quotidianamente informazioni dettagliate riguardo ai bandi pubblici, ottenute attraverso una vigilanza costante delle fonti ufficiali come il Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (GURI) e il Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea (GUUE), nonché dai siti web degli Enti, comprese le Centrali di Committenza e le piattaforme del Mercato Elettronico. Sempre pronta ad offrire servizi innovativi e un supporto costante e personalizzato per favorire la crescita del loro business, l’azienda si distingue tanto per il monitoraggio continuo delle fonti quanto per la capacità di erogare corsi di formazione di alto livello con lezioni in presenza, online e tramite modalità e-learning. Avv. Giuseppe Imbergamo – Studio Legale Piselli&Partners —immediapress/politica-pawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

L'incredibile storia della guerra degli emù
Mai un rischio di un'escalation nucleare è stato così alto
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter