Oscar 2024, dove vederli in tv: orario, nomination, film favoriti

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – La notte degli Oscar si avvicina. Come da tradizione, anche stanotte sarà il Dolby Theatre di Hollywood ad ospitare la cerimonia di assegnazione della 96esima edizione degli Academy Awards, condotta per la quarta volta dal popolare presentatore e comico Jimmy Kimmel. Per l'Italia la diretta sarà affidata alla Rai. Tra nomination e film favoriti, ecco tutto quello che c'è da sapere sulla notte dedicata al cinema più famosa del mondo.  La cerimonia di premiazione sarà trasmessa domenica 10 marzo su Rai 1 a partire dalle 23.30. Da Roma, dallo studio 3 di via Teulada, Alberto Matano seguirà e commenterà la diretta dal Dolby Theatre di Los Angeles insieme a Stefania Sandrelli, Gabriele Muccino, Claudia Gerini, Ambra Angiolini, Claudio Santamaria, Antonio Monda e Paola Jacobbi. Collegato dal Red Carpet degli Academy Awards, invece, l’inviato del Tg1 Paolo Sommaruga racconterà al pubblico italiano la magia della serata intervistando le star internazionali presenti. 'Oppenheimer' continua a essere in pole per la vittoria e, dopo ben cinque nomination andate 'in bianco', potrebbe regalare la prima statuetta a Christopher Nolan. Il biopic sul fisico J. Robert Oppenheimer si caratterizza per una regia densa e intensa, e per le interpretazioni di Cillian Murphy, Robert Downey Jr. e Emily Blunt, tutti nelle cinquine dei premi come Miglior attore. Ottime carte ha anche 'Maestro' di Bradley Cooper, che rilegge vita e opere di Leonard Bernstein in un biopic complesso in cui l'attore offre anche una delle sue migliori performance. E ancora 'Barbie', il primo film diretto da una regista in solitaria a superare il miliardo di dollari al botteghino, anche considerando i temi femministi della storia che rispecchiano lo spirito del tempo. 'Killers of the Flower Moon' di Martin Scorsese è grande affresco su come i nativi americani siano stati uccisi dai bianchi allo scopo di impossessarsi dei loro diritti petroliferi: dopo la delusione per 'Irishman', sarebbe una svolta per il regista americano, che ha vinto un solo Oscar in mezzo secolo. 'Povere creature!', vincitore del Leone d’Oro a Venezia, è il film che potrebbe sparigliare le carte: scivolando sul filo dei temi cari al momento storico (l’autodeterminazione femminile e il 'delirio di onnipotenza' maschile), Yorgos Lanthimos strizza l'occhio al fantasy horror scegliendo un grande cast, da Emma Stone a Mark Ruffalo. Tra gli outsider sicuramente il delicato e romantico 'Past lives', opera prima di Celine Song, sudcoreana naturalizzata canadese che segue le vite di due amici nel corso di 24 anni, e 'The Holdovers', che segna il ritorno di Alexander Payne e racconta un surreale Natale del 1970 in cui si ritrovano, controvoglia, un ragazzo problematico, un professore burbero e una cuoca con il figlio disperso in Vietnam (rispettivamente Dominic Sessa, Paul Giamatti e Da’Vine Joy Randolph, con questi ultimi due puntano all’Oscar). Una sorpresa potrebbe regalarla anche 'Anatomia di una caduta', pellicola diretta da Justine Triet, vincitrice della Palma d'oro al Festival di Cannes. Sul fronte dei premi agli attori, le cinquine quest’anno vedono dieci attori su venti alla prima nomination, mentre sette sono stati già candidati alla ricerca della prima statuetta e tre già vincitori. Sul fronte del Miglior attore non protagonista, i pronostici stendono tappeti rossi a Robert Downey Jr. e il suo ammiraglio Strauss di 'Oppenheimer': per lui è la terza nomination, dopo l'ascesa nell'universo Marvel dell'ultimo decennio sarebbe una bella consacrazione. Ma la lotta è ardua: il bel Downey Jr. è marcato stretto da un altro attore alla terza nomination, Ryan Gosling, che con il suo Ken deliziosamente tracciato in 'Barbie' dopo 'Half Nelson' (2006) e 'La La Land' (2016) farebbe strike. Ma non sarà facile. In campo femminile, c'è una fuoriclasse cui prestare attenzione. Dopo Golden Globe, Critics' Choice, Sag e Bafta, si sussurra che l'afroamericana Da'Vine Joy Randolph, straordinaria e vivida cuoca in 'The Holdovers', potrebbe stringere nelle sue mani l'Oscar alla prima nomination. Le rivali però non sono da meno: alla prima candidatura è anche la britannica Emily Blunt, i cui sguardi intensi in 'Oppenheimer' potrebbero valerle l'ambita statuetta. Da citare anche Jodie Foster in 'Nyad – Oltre l’oceano', assente dagli Oscar da ben ventinove anni, quando fu candidata per 'Nell' (1994). E veniamo ai premi per gli attori e le attrici protagonisti. Per gli uomini, il favorito della vigilia – alla sua prima nomination – è Cillian Murphy per il ruolo omonimo in 'Oppenheimer' con il quale ha già vinto Golden Globe, Bafta e Sag. Ma il vero outsider potrebbe essere il caratterista Paul Giamatti, il burbero e scontroso professore in 'The Holdovers': è alla sua seconda candidatura dopo diciott'anni da quella per 'Cinderella Man' (2005). L'unico ad avere già confidenza con gli Oscar è Bradley Cooper, che dirige se stesso in 'Maestro'. Per le attrici, la sfida è all'ultimo frame. Se infatti Emma Stone, Bella Baxter in 'Povere creature!', è una delle favorite per vincere il suo secondo Oscar a sette anni da La La Land (2016) (è alla sua quarta candidatura), ottime chance si segnalano anche per Lily Gladstone. L'attrice di 'Killers of the Flower Moon' è la prima nativa americana mai candidata. Dopo lo storico Golden Globe come "Miglior attrice drammatica", potrebbe entrare nella storia. —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Salviamo l'orso dall'uomo
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter